Elezioni europee. I numeri reali dei partiti fanno impressione

Elezioni europee. I numeri reali dei partiti fanno impressione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus

Questo è il dato dell'astensione confrontato al voto delle scorse europee. È un numero che fa impressione e che dovrebbe essere oggetto di attenta riflessione. Il 53% di astenuti per delle elezioni nazionali non ha nulla di fisiologico. E anzi, a me pare che indichi in primo luogo una profonda crisi democratica e in secondo luogo un impoverimento politico-culturale tendente al peggioramento, come su di un piano inclinato che ci trascina inesorabilmente verso il basso, verso cioè una condizione che favorisce la legge del più forte e dunque le destre.

Ora, di fronte a questi dati ci si può limitare a fare spallucce e pensare che in fondo si tratti pur sempre dell'espressione di una legittima scelta individuale, quantunque indiretta. Questo è il tipico atteggiamento liberale che ha avuto grande fortuna negli Usa, non esattamente un luogo in cui trionfa la civiltà democratica, considerato il classismo, il razzismo, le profonde differenze sociali, l'uso sregolato delle armi e per l'appunto la scarsa propensione al voto, peraltro scoraggiata dalle stesse istituzioni americane. A me pare che l'astensione debba essere invece studiata, anche per misurare il peso politico del voto al di là delle singole percentuali. Sapere che FdL ha il consenso del 13,5% degli italiani ci dà una percezione molto diverse del suo reale consenso.

A questo proposito ritengo inoltre che il dato dell'astensione debba essere oggetto di approfondimento per analizzare i modi e le forme attraverso cui una parte dell'elettorato è stato escluso dalla discussione politica. In un contesto in cui le differenze tra i partiti contano poco (in politica estera praticamente nulla) e in cui i margini di manovra del parlamento e del governo sono stati ristretti per via dei tanti vincoli esterni (mercati, UE, NATO), il voto è percepito da molti italiani come inutile, incapace di orientare la volontà politica, sottomessa invece a una governance anonima e autoritaria.

L'astensione dovrebbe essere allora oggetto di una riflessione non semplicemente sociologica, ma politica, indirizzata cioè a intervenire sulla crisi democratica e sui rapporti di forza che la determinano. Non bisogna illudersi con sciocchi velleitarismi. Qualsiasi istituzione è sempre condizionata dal contesto storico e da numerose costrizioni, da quelle materiali a quelle geopolitiche. Non si può tuttavia nemmeno pensare di subire deterministicamente la loro influenza, come se fossero un dato di natura. La politica serve anzi proprio a distanziarci da ciò che è considerato fatalisticamente naturale e ovvio.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti