F-16: l'amara ammissione del ministro della difesa ucraino

F-16: l'amara ammissione del ministro della difesa ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



PICCOLE NOTE

I primi caccia F-16 dovrebbero iniziare a operare in Ucraina “entro la fine del primo trimestre del prossimo anno”, cioè, a fine marzo 2024. Così il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba in un’intervista a Radio Liberty.


F-16: L’ennesima arma magica

Dichiarazioni alquanto bizzarre. Dopo tanti annunci enfatici sugli F-16, si viene a scoprire che l’ennesima arma magica NATO rischia di arrivare quando ormai il degrado dell’esercito ucraino, che prosegue a ritmo serrato a causa della dissennata controffensiva in corso, potrebbe essere tale da rendere insostenibile lo sforzo bellico (“gli ucraini stanno esaurendo le munizioni”, ha detto Biden, implicitamente ammettendo che scarseggiano anche negli arsenali NATO).

Non è solo la tempistica sull’arrivo che pone domande sui magici velivoli da combattimento made in USA. Ulteriori criticità sono state evidenziate da Newsweek, che spiega come i Paesi NATO dovranno inviare “personale militare o civile che abbia esperienza nella manutenzione dei sofisticati jet, secondo il tenente generale in pensione Charlie ‘Tuna’ Moore, ex vice comandante del Comando informatico”.

“L’addestramento di base, infatti, potrebbe risultare efficace per alcuni aspetti della manutenzione dei velivoli, ma la manutenzione dei sistemi avionici e idraulici è una storia diversa”. Tale personale rientrerebbe negli obiettivi legittimi dei missili russi.

Non solo, un’ulteriore complicazione è data dal fatto che gli F-16 hanno bisogno di “basi aeree centralizzate, a differenza degli aerei sovietici che l’Ucraina gestisce attraverso siti dispersi, il che renderebbe tali obiettivi allettanti per gli attacchi russi”.

Questo, in realtà, è il punto dolente della vicenda. Anche se arrivassero a guerra ancora in corso, gli F-16 rischiano di essere bersagliati a terra dai missili russi o che non abbiano alcuna base da cui partire o nella quale tornare.

Da cui la possibilità di usare allo scopo qualche Paese confinante, la Polonia per fare un esempio a caso. Ma Putin ha già detto che, in tal caso, anche queste basi estere sarebbero obiettivi legittimi per i russi, com’è d’altronde ovvio.

Insomma, un conto sono le fantasie utopistiche già viste riguardo le altre armi magiche inviate in Ucraina, un conto è la realtà. Gli F-16, peraltro, serviranno a poco anche se la guerra sarà ancora in corso, dal momento che dovranno confrontarsi con i jet russi molto più avanzati e soprattutto la loro micidiale contraerea. E rischiano di aprire uno scontro Russia-NATO (tale la prospettiva di usare basi all’estero).

Gli ATACMS

Intanto, dopo l’ennesima escalation riguardante le armi a grappolo, gli architetti delle guerre infinite, non paghi dei tragici errori compiuti finora, stanno rimuginando su una nuova escalation: inviare a Kiev i missili a lungo raggio.

Questo il titolo di un articolo del New York Times dell’11 luglio: “L’amministrazione Biden sta valutando in via riservata se inviare o meno i missili ATACMS all’Ucraina”. Finora le richieste di Kiev in tal senso sono state rigettate; ma, alla vigilia del vertice Nato di Vilnius, la Francia ha annunciato l’invio di uno stock di missili a lunga gittata SCALP, l’equivalente francese degli Storm Shadow già arrivati agli ucraini dalla Gran Bretagna.

Un sistema missilistico dell'US Army in azione durante una esercitazione

Un sistema missilistico dell’US Army in azione durante una esercitazione

Military Watch riferisce che “la settimana scorsa i russi hanno catturato un missile Storm Shadow relativamente intatto, cosa che dovrebbe aiutarli a sviluppare contromisure più efficaci” contro di esso. Ciò fa sì che anche gli SCALP in arrivo abbiano uno scarso impatto sull’andamento della guerra.

Resta che la decisione francese ha conseguenze sulla fornitura di ATACMS. Infatti, secondo il NYT, “potrebbe alimentare la campagna di pressione [per inviare gli ATCAMS] o, al contrario, alleggerirla, dal momento che l’Ucraina sta ricevendo missili a lungo raggio da altri Paesi”.

In realtà, è più probabile la prima opzione che la seconda, data la relativa utilità degli SCALP e il numero relativamente esiguo di vettori inviati (50, secondo le fonti ufficiali).

Ancora il NYT: “Oleksii Reznikov, ha dichiarato ai giornalisti di essere ‘assolutamente certo che tutto ciò che è impossibile in questo momento’ diventerà possibile” in futuro.

Probabile che il ministro della Difesa ucraino abbia ragione. Ma in altra nota abbiamo già scritto che più che cambiare le sorti della guerra, tale sviluppo – che ricorda le V2 introdotte alla fine della Seconda guerra mondiale – la renderà solo più cruenta e più a rischio di allargamento. Si spera che i costruttori di pace arrivino prima dell’ennesima follia.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti