FOTO e VIDEO. "Giù le mani dalla Siria". Protesta negli Stati Uniti dopo i bombardamenti nel paese arabo

FOTO e VIDEO. "Giù le mani dalla Siria". Protesta negli Stati Uniti dopo i bombardamenti nel paese arabo

Centinaia di manifestanti si sono riuniti in diverse città degli Stati Uniti per esprimere il loro rifiuto al recente bombardamento della base aerea siriana di Shayrat.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Centinaia di statunitensi sono scesi in strada nelle città di tutto il paese per esprimere la loro forte opposizione al bombardamento della base aerea siriana Shayrat nella provincia di Homs, effettuato ieri. Nonostante la natura in gran parte pacifica delle manifestazioni, sono stati segnalati arresti.


 
Le proteste, avviate già ieri, per la maggior parte sono stati organizzati dalla Coalizione ANSWER, un'organizzazione contro la guerra e il razzismo. L'organizzazione chiede una  mobilitazione nazionale ed esige "di  porre fine alla guerra degli Stati Uniti contro la Siria" e la nuova epidemia di "aggressione" in Medio Oriente.
 
Le dimostrazioni sono state convocate a New York, Los Angeles, Washington D.C., Jacksonville, Boston, Chicago, Dallas, San Francisco e altre città.
 
New York
 
A Manhattan, i manifestanti si sono riuniti nei pressi della Trump Tower e nella storica Union Square.
 

 
"No alla guerra in Siria", "Giù le mani dalla Siria!" e "Ci rifiutiamo di accettare USA fascisti" in alcuni striscioni che sventolano tra la folla.
 

 
Gli Stati Uniti hanno lanciato 59 missili da crociera Tomahawk contro la base aerea Shayrat.
 

 
Los Angeles
 
"Il bombardamento della Siria non protegge le persone. Le uccide", si legge nei cartelli indirizzati al Presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Los Angeles.
 

 

 
Jacksonville
 
Nella città di Jacksonville, Florida, 6 persone sono state arrestate dopo scontri tra coloro che manifestavano contro e a favore del recente attacco aereo degli Stati Uniti, hanno riferito i media locali.
 

 
Boston
 
A Boston, Massachusetts, la gente è scesa in strada portando cartelli con scritte come: "No agli attacchi USA contro la Siria", "Pace in Siria", "Accoglienza, no missili" e "Solidarietà ai siriani", tra gli altri.
 

 
 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...