/ Gli Stati Uniti aprono la 26a base militare in Siria

Gli Stati Uniti aprono la 26a base militare in Siria

 

Gli Stati Uniti prevedono di mantenere la loro presenza a lungo termine nel nord della Siria, dove hanno appena aperto la loro terza base militare nel governatorato di Deir ez-Zor, la 26a nel paese arabo, secondo una fonte delle forze democratiche siriane.


Secondo fonti delle Forze Democratiche Siriane (FDS), gli Stati Uniti hanno già un totale di 25 basi militari nel nord della Siria e in aree controllate dalle milizie arabo-curde. Inoltre, una nuova base è  stata appena costruita nella zona di Al-Baghouz (governatorato di Deir Ezzor), sul confine siriano-iracheno, specificano le stesse fonti.
 
Un rappresentante delle FDS che ha richiesto l'anonimato ha sottolineato nel suo commento a Sputnik che gli Stati Uniti hanno continuato a perseguire la propria politica di rinforzo militare nella Siria settentrionale:
 
"Come parte della lotta contro l'ISIS e altri gruppi terroristici, gli Stati Uniti continuano a costruire basi militari nelle aree precedentemente liberate.
Secondo le nostre informazioni, gli Stati Uniti hanno intenzione di mantenere la propria presenza nel nord della Siria per lungo tempo.
 
Tra l'altro, la fonte ha spiegato che, a tal fine, hanno creato lì infrastrutture adeguate, in particolare basi militari.
 
"Recentemente, gli Stati Uniti hanno creato una nuova base militare vicino ad Al-Baghouz che abbiamo liberato dall'ISIS solo pochi mesi fa. Questa base è di importanza strategica perché si trova sul confine tra Siria e Iraq. Porta a tre il numero di basi statunitensi a Deir Ezzor", ha continuato il rappresentante della FDS, aggiungendo che la scelta di quest'area è legata alla presenza di petrolio e alla vicinanza all'esercito siriano.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa