Gli Stati Uniti aprono la 26a base militare in Siria

Gli Stati Uniti aprono la 26a base militare in Siria

Gli Stati Uniti prevedono di mantenere la loro presenza a lungo termine nel nord della Siria, dove hanno appena aperto la loro terza base militare nel governatorato di Deir ez-Zor, la 26a nel paese arabo, secondo una fonte delle forze democratiche siriane.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Secondo fonti delle Forze Democratiche Siriane (FDS), gli Stati Uniti hanno già un totale di 25 basi militari nel nord della Siria e in aree controllate dalle milizie arabo-curde. Inoltre, una nuova base è  stata appena costruita nella zona di Al-Baghouz (governatorato di Deir Ezzor), sul confine siriano-iracheno, specificano le stesse fonti.


 
Un rappresentante delle FDS che ha richiesto l'anonimato ha sottolineato nel suo commento a Sputnik che gli Stati Uniti hanno continuato a perseguire la propria politica di rinforzo militare nella Siria settentrionale:
 
"Come parte della lotta contro l'ISIS e altri gruppi terroristici, gli Stati Uniti continuano a costruire basi militari nelle aree precedentemente liberate. Secondo le nostre informazioni, gli Stati Uniti hanno intenzione di mantenere la propria presenza nel nord della Siria per lungo tempo.
 
Tra l'altro, la fonte ha spiegato che, a tal fine, hanno creato lì infrastrutture adeguate, in particolare basi militari.
 
"Recentemente, gli Stati Uniti hanno creato una nuova base militare vicino ad Al-Baghouz che abbiamo liberato dall'ISIS solo pochi mesi fa. Questa base è di importanza strategica perché si trova sul confine tra Siria e Iraq. Porta a tre il numero di basi statunitensi a Deir Ezzor", ha continuato il rappresentante della FDS, aggiungendo che la scelta di quest'area è legata alla presenza di petrolio e alla vicinanza all'esercito siriano.
 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti