/ Gli Stati Uniti hanno lanciato una campagna che accusa Mosca di a...

Gli Stati Uniti hanno lanciato una campagna che accusa Mosca di aver attaccato un ospedale ad Idlib, in Siria

 

L'obiettivo di questa campagna di disinformazione di mettere a tacere artificialmente il processo per eliminare i terroristi in Siria e anche di ritardare lo scontro armato, afferma la dichiarazione del ministero degli Esteri russo.


Le autorità degli Stati Uniti hanno avviato una campagna per incolpare la Russia degli attacchi contro strutture civili nella provincia di Idlib in Siria, ha riferito, in un comunicato, il ministero degli Esteri russo.
 
La dichiarazione arriva dopo la pubblicazione del 6 maggio scorso sul quotidiano Washington Post che ha accusato i militari russi e siriani di aver presumibilmente compiuto attacchi aerei contro ospedali e altre infrastrutture civili a Idlib.
 
"Pensiamo che la campagna di disinformazione che vediamo ora sia stata lanciata dalle autorità ufficiali degli Stati Uniti, perché è vantaggioso per Washington mantenere intatta la cosiddetta enclave territoriale Idlib", si legge nella nota.
 
Secondo il ministero, gli autori di questa pubblicazione dicono "nessuna parola sulla vera ragione dietro tutti i problemi nella provincia siriana di Idlib, dove il potere è in mano ai terroristi internazionali riconosciuti come tali dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e anche dalla legislazione nazionale degli Stati Uniti."
 
L'obiettivo di questa campagna di disinformazione è di mettere a tacere artificialmente il processo di blocco dei terroristi internazionali in Siria e anche di ritardare lo scontro armato, afferma la nota.
 
Quindi, questo serve da pretesto per mantenere la presenza militare USA in Siria, che impedisce alle autorità siriane di accedere alle ricche risorse naturali oltre l'Eufrate e crea un ostacolo alla libera circolazione di persone e merci attraverso la strada internazionale Damasco-Baghdad, che passa attraverso l'area di Al Tanf attualmente occupata dagli Stati Uniti, secondo il ministero.
 
Il 17 settembre 2018 a Sochi, il presidente russo Vladimir Putin e il leader turco Recep Tayyip Erdogan avevano deciso di creare una zona demilitarizzata di 15-20 km a Idlib lungo la linea di contatto tra le forze governative siriane e l'opposizione armata. 
 
All'inizio di maggio, il capo del Centro russo per la riconciliazione dei lati opposti in Siria, il generale Viktor Kupchishin aveva affermato che le unità militanti nella zona di de-escalation, a sud di Idlib,  erano tenute sotto il comando del gruppo terrorista Hay'at Tahrir al-Sham (ex Jabhat al-Nusra,). 
 
Tale gruppo terroristico non ha escluso una sua offensiva contro Hama. Secondo il generale, i miliziani hanno bombardato due volte al giorno la base aerea russa di Kmeymim. Entrambe le volte l'attacco è partito da Zawiya, che si trova nella zona di de-escalation di Idlib.
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa