Gli USA attaccano i gruppi legati all'Iran in Siria. Sabotato accordo sul nucleare?

Gli USA attaccano i gruppi legati all'Iran in Siria. Sabotato accordo sul nucleare?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti d’America dovrebbero rispondere in merito alla proposta dell’Unione Europea per rivitalizzare l’accordo sul nucleare iraniano, il JCPOA del 2015, e neutralizzato nel 2018 da Donald Trump. La proposta è stata accettata dall’Iran, al punto che l’Ue ha definito la risposta dell’Iran “ragionevole”.

In un momento delicato della trattativa certamente quello che è successo ieri potrebbe provocare tensioni tra Teheran e Washington che cerca il pretesto per non accettare il JCPOA. Seppur in tal senso ci sono le pressioni di Israele e della potente lobby sionista negli USA, anche a Washington sanno bene quanto sia fondamentale che il petrolio iraniano ritorni sui mercati internazionali senza sanzioni.

Comunque, per una difficile coincidenza, l'esercito statunitense, ieri, ha effettuato attacchi aerei nel nord-est della Siria contro strutture utilizzate da gruppi di miliziani legati al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell'Iran. La notizia è stata riferita dal Comando centrale delle forze armate statunitensi.

Nel comunicato si precisa che le azioni militari sono state condotte nella città di Deir ez Zor e miravano a proteggere le forze di Washington dagli attacchi dei gruppi sostenuti da Teheran.

"Gli Stati Uniti hanno adottato misure deliberate e proporzionate progettate per limitare il rischio di escalation e ridurre al minimo il rischio di vittime", ha affermato il colonnello Joe Buccino, portavoce del comando centrale. "Gli Stati Uniti non cercano il conflitto, ma continueranno a prendere le misure necessarie per proteggere e difendere la sua gente", ha aggiunto.

Ha anche affermato che le forze statunitensi rimangono in Siria per garantire la sconfitta definitiva dell’ISIS. In pratica sarebbe il feticcio attraverso il quale Washington ruba migliaia di barili di petrolio alla Siria ogni giorno e giustificare la presenza delle sue truppe.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti