Gli Usa dinanzi una “guerra totale” Israele-Hezbollah

Gli Usa dinanzi una “guerra totale” Israele-Hezbollah

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come rappresaglia contro l'uccisione del comandante Taleb Sami Abdullah, Hezbollah negli ultimi giorni ha lanciato oltre 200 razzi contro la zona settentrionale di Israele.

Ora, Gli Stati Uniti stanno "lottando" per prevenire un conflitto in piena regola tra Israele e il gruppo militante libanese Hezbollah, secondo Axios, citando funzionari statunitensi che hanno riferito a condizione di anonimato.

Resta il fatto che l’amministrazione Biden è estremamente preoccupata per uno scenario di “guerra totale” per l’acuirsi delle tensioni bilaterali.

La Casa Bianca ha anche un’altra preoccupazione: la possibilità che Israele possa iniziare o essere coinvolto in una guerra con Hezbollah “senza una strategia chiara o senza considerare tutte le implicazioni di un conflitto più ampio”. Nelle ultime settimane, tra l’altro, Washington avrebbe messo in guardia Tel Aviv dall’idea di una “guerra limitata” in Libano, avvertendo che l’Iran potrebbe intervenire.

La squadra di Biden sta cercando di affrontare il conflitto tra Israele e Hezbollah mentre lavora per garantire un accordo di cessate il fuoco con ostaggi a Gaza, che gli Stati Uniti vedono come l’unica misura per allentare le tensioni sul confine israelo-libanese.

Da parte sua, Hezbollah ha avvertito che intensificherà i suoi attacchi lungo il confine per vendicare l'uccisione da parte di Israele del principale comandante militare del gruppo, Taleb Sami Abdullah. Ieri, Hezbollah ha lanciato centinaia di razzi nel nord di Israele, poche ore dopo la morte di Abdullah in un attacco aereo israeliano.

Alleato del gruppo militante palestinese Hamas, Hezbollah ha colpito ogni giorno Israele dall'inizio della guerra di Gaza, il 7 ottobre, ribadendo che avrebbe fermato i suoi attacchi solo in caso di una tregua a Gaza.

Hezbollah e Israele hanno combattuto la loro ultima grande guerra nel luglio-agosto 2006, nella quale il gruppo libanese ha perso circa 250 uomini, uccidendo 121 militari israeliani e ferendone oltre 1.200.

--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti