I caccia stealth russi Su-57 pronti a sfidare gli F-35 statunitensi e le minacce della NATO

I caccia stealth russi Su-57 pronti a sfidare gli F-35 statunitensi e le minacce della NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia consegna i nuovi caccia stealth russi Su-57 per la prima volta al Distretto militare occidentale nell’ottica di un rafforzamento contro le minacce sempre crescenti che arrivano dagli Stati dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). 

 

Secondo i resoconti dei media locali russi, fonti dell'esercito russo hanno rivelato che al confine occidentale, la Russia affronta paesi che possiedono caccia combattenti nordamericani più moderni e avanzati.

 

Quindi, la decisione di schierare i caccia Su-57, il primo jet da combattimento stealth di quinta generazione progettato e costruito internamente dalla Russia, è in risposta al rafforzamento della forza aerea della NATO nella regione.

 

L'aereo da caccia SU-57 è progettato per avere supercruise, supermaneuverability, stealth e avionica avanzata per superare gli aerei da combattimento della generazione precedente e le difese terrestri e navali.

 

Come riportato in precedenza da EurAsian Times, il ministro dell'Industria russo, Denis Manturov, ha confermato che è stato concluso un contratto per l'acquisizione di 76 velivoli Sukhoi Su-57 tra Mosca e United Aircraft Corporation.

 

Sukhoi aveva inizialmente pianificato di consegnare i primi due SU-57 standard di produzione alla fine del 2019 e altri due nel 2020. Ma lo schianto di uno dei jet nel dicembre 2019 ha costretto la società a interrompere i lavori sul programma.

 

A maggio, il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha affermato che la direzione strategica occidentale continua a rappresentare la più grande minaccia per la sicurezza militare russa. Ha inoltre annunciato che il ministero della Difesa sta implementando una serie di misure seguendo il piano della sua attività nel 2019-2025 per neutralizzare le minacce che potrebbero emergere.

 

"In particolare, verranno consegnati circa 2.000 sistemi d'arma nuovi e aggiornati, che aumenteranno la loro quota a oltre il 65%".

 

A giugno, il capo della direzione principale delle operazioni dello Stato maggiore, Sergei Rudskoy, ha osservato che c'era stata una maggiore attività militare da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO vicino ai confini russi.

 

A confermarlo abbiamo i tentativi quasi quotidiani da parte di aerei spia delle forze NATO che cercano violare lo spazio aereo russo. Mosse azzardate e sempre sventate dai caccia di Mosca che si alzano tempestivamente per intercettare i velivoli ostili.

 

Recentemente, gli Stati Uniti e la Polonia hanno firmato un Accordo di cooperazione per la difesa rafforzata (EDCA) che fornisce il quadro giuridico per il personale militare e civile degli Stati Uniti da dispiegare in Polonia.

 

Inoltre, la presenza degli Stati Uniti in Polonia sarà aumentata da 4.500 a 5.500 soldati e verranno costruite infrastrutture per ospitare fino a 20.000 soldati statunitensi.

 

A questo punto Varsavia si configura come il nuovo centro delle attività anti-russe in Europa. 

 

"Il dispiegamento dei caccia Su-57 vicino ai confini nord-occidentali della Russia è una risposta adeguata alle azioni della NATO, ha affermato il colonnello Vladimir Anokhin, vicepresidente dell'Accademia dei problemi geopolitici.

 

"Questo aumenterà radicalmente le capacità del Distretto militare occidentale e renderà possibile distruggere rapidamente gli aerei nemici nella regione", ha detto.

 

Diversi paesi intorno al confine con la Russia stanno aumentando la loro forza aerea e hanno acquisito aerei da combattimento dagli Stati Uniti. L'aeronautica militare norvegese ha ricevuto i primi 16 dei 52 F-35A totali, la Polonia ha stipulato un contratto per ricevere 32 di questi caccia e la Danimarca intende acquisire gli stessi.

 

I paesi baltici come Lettonia, Lituania ed Estonia non possiedono i propri aerei da combattimento, tuttavia, il pattugliamento aereo della NATO protegge lo spazio aereo di questi paesi. Wahington ha anche aumentato il numero della sua aviazione nei Paesi Baltici con esercitazioni.

 

Durante l'operazione Rapid Forge, gli F-35 e gli F-15E modernizzati furono spostati dalla base aerea americana in Germania alle basi aeree in Lettonia, Lituania, Estonia e Polonia.

 

“Quando i combattenti come il Su-57 appariranno lì, vedremo una reazione emotiva. In combinazione con potenti forze di terra, soprattutto nella regione di Kaliningrad, l'aviazione russa trasformerà in nulla il potenziale militare della NATO nella regione ", ha osservato il colonnello.

 

 

 


 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti