/ I curdi condividono il petrolio con il governo siriano come parte...

I curdi condividono il petrolio con il governo siriano come parte di un "accordo di lavoro"

 

È operativo un accordo per la produzione di petrolio firmato dal governo siriano e dai curdi.


Secondo l'agenzia russa 'Sputnik', in sintonia con l'accordo, firmato pochi mesi fa, "i curdi stanno estraendo 50.000 barili di greggio al giorno nei giacimenti petroliferi di al-Rmeilan e Jabsah.
 
Un terzo di questo viene inviato alla raffineria gestita dal governo siriano a Homs, mentre il resto viene lavorato in loco in una raffineria locale ", ha aggiunto la fonte.
 
C'è motivo di credere che i curdi stiano pompando più petrolio illegalmente, ha spiegato la fonte, aggiungendo che prima della guerra, il giacimento al-Rmeilan forniva 160.000 milioni di barili di greggio, mentre ora la cifra è scesa a soli 38.000.
 
Al giacimento di al-Jabsah la produzione giornaliera è scesa a 12.000 barili, da 30.000 prima dell'inizio della guerra.
Secondo la fonte, il governo siriano dovrebbe liberare l'intero territorio del paese e controllare tutte le sue riserve di petrolio.

 
Ha menzionato la grande quantità di assistenza a tutto campo che il paese sta ottenendo dai suoi partner russi, soprattutto quella militare nella lotta in corso contro il terrorismo.
 
Ha anche parlato delle prospettive di una cooperazione ad ampio raggio con la Russia nella ricostruzione del settore petrolifero devastato dalla guerra in Siria.
 
Infine, sono stati ricordati due contratti con la Russia per investire nell'estrazione di 5,2 milioni di tonnellate di fosfati in Siria e ha assicurato che i due paesi svilupperanno la cooperazione per la prospezione e l'estrazione di risorse minerarie utilizzando la tecnologia moderna e l'esperienza dei due paesi in questo campo.
 
Il presidente siriano Bashar al Assad ha ribadito più volte che Damasco si concentrerà principalmente su Russia, Cina e Iran nella ricostruzione del paese dopo anni di distruzione.
 
 
Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa