I diritti umani negli Stati Uniti: il 2022 è stato un anno tragico

I diritti umani negli Stati Uniti: il 2022 è stato un anno tragico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Diego Angelo Bertozzi per l'AntiDiplomatico

Indicata tra i principali violatori dei diritti umani, nonché colpevole di proseguire sulla strada del genocidio culturale, ogni anni la Cina popolare presenta un dettagliato resoconto sul rispetto di quegli stessi diritti negli Stati Uniti. Si tratta di un'operazione che da una parte mina la credibilità del principale accusatore e spinge verso il superamento della “doppia morale” in materia -  in base alla quale si chiudono gli occhi nei confronti di Paesi amici o compiacenti – e dall'altra esprime l'esigenza di rendere veramente “universale” – il rispetto dei diritti umani – ciò che ora è solamente “particolare” strumento strumento di dominio e aggressione (la retorica dei diritti umani).

Il rapporto stilato dal Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese, pubblicato il 28 marzo, ha il merito di utilizzare fonti statunitensi, così da superare ogni immediata – vale a dire non mediata da riflessione e ragionamento – accusa di parzialità e di prendere ad oggetto di studio non solo il campo dei diritti politici e civili, ma anche quello dei diritti economico-sociali. Un approccio, questo, che è in linea con la ridefinizione del concetto dei diritti umani che da anni è in atto a livello internazionale e che prende sempre più in considerazione le posizioni dei Paesi in via di sviluppo.

Ma veniamo al documento  - il collegamento alla versione integrale in inglese lo trovate in calce all'articolo – per soffermarci su alcuni aspetti che hanno fatto del 2022 l'anno della “battuta d'arresto storica per i diritti umani negli Stati Uniti” a causa dell'aggravarsi di "malattie croniche" quali la discriminazione razziale, la diffusione della violenza armata privata e di quella delle forze dell'ordine e la polarizzazione della ricchezza. Nella sostanza ci troviamo di fronte a una regressione di portata storica che mina  “ulteriormente i diritti e le libertà fondamentali del popolo americano”. Entriamo nei particolari con la traduzione di alcuni dei passi:

 

  • La violenza armata aumenta di pari passo con il possesso di armi. Uno studio pubblicato sul British Medical Journal suggerisce che l'allentamento del controllo delle armi negli Stati Uniti ha portato a un aumento simultaneo del possesso di armi e delle sparatorie di massa. Con meno del 5% della popolazione mondiale, gli Stati Uniti possiedono il 46% delle armi civili del mondo. Gli Stati Uniti sono il primo Paese al mondo per possesso di armi, omicidi con armi da fuoco e sparatorie di massa. Secondo il sito Web Gun Violence Archive, il numero di sparatorie di massa negli Stati Uniti è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. Nel 2022, la violenza armata ha ucciso 43.341 persone e ferito 37.763 persone e negli Stati Uniti si sono verificate 636 sparatorie di massa, una media di due al giorno. Il tasso di omicidi con armi da fuoco in America è otto volte superiore a quello del Canada, 13 volte superiore a quello della Francia, e 23 volte superiore a quello dell'Australia.

  • La violenza della polizia peggiora. Nel 2022, un record di 1.239 persone sono morte a causa della violenza della polizia negli Stati Uniti, secondo il sito web Mapping Police Violence. Durante l'anno, ci sono stati solo 10 giorni in cui non si sono verificati omicidi da parte della polizia. La maggior parte degli omicidi della polizia si verificano durante le normali attività di applicazione della legge, come i controlli durante un arresto o quando si tratta di crimini non violenti. La polizia è raramente accusata di usare la forza eccessiva. Negli omicidi della polizia tra il 2013 e il 2022, il 98,1% degli agenti coinvolti non è stato accusato di alcun crimine. Il 27 giugno 2022, la polizia di Akron, Ohio, ha ucciso a morte Jayland Walker, un afroamericano di 25 anni disarmato. Secondo un rapporto medico preliminare, Walker aveva più di 60 ferite sul corpo. Questa è stata la terza sparatoria della polizia ad Akron tra dicembre 2021 e giugno 2022.

  • Svuotamento dei diritti politici e delle elezioni. Molti americani hanno completamente abbandonato l'idea di uguaglianza, e spesso sono queste persone che rifiutano l'idea di uguaglianza che stabiliscono le regole che gli altri devono seguire, ha detto JR Pole nel suo libro intitolato "The Pursuit of Equality in American History". Spesso vengono introdotte leggi che limitano il diritto di voto degli elettori. Secondo lo studio pubblicato dal Brennan Center for Justice il 26 maggio 2022, 18 Stati hanno approvato 34 leggi restrittive nel 2021. Per la sessione legislativa del 2022, i legislatori di 39 Stati hanno preso in considerazione almeno 393 progetti di legge restrittivi, che hanno colpito in modo sproporzionato gli elettori di colore creando una serie di ostacoli al voto. Ben 200.000 elettori potrebbero essere a rischio di cancellazione delle loro registrazioni dopo che l'Arizona ha promulgato una legge che regola la fornitura di prove documentali di cittadinanza per la registrazione degli elettori. Il 4 agosto 2022, l'Organizzazione globale contro l'odio e l'estremismo ha pubblicato un rapporto intitolato "Americans' Fears Suppressing Participation in Democracy", in cui si afferma che il 40% dei neri e il 37% degli ispanici sono molto preoccupati che gli venga negata la possibilità di votare. Le rigide leggi sull'idoneità al voto hanno impedito a quasi il 16% della popolazione nera in età di voto del Mississippi di votare. Il Mississippi ha una delle più alte concentrazioni di persone di colore nel paese, eppure non ha eletto una persona di colore a cariche statali da oltre un secolo.

  • Ampliamento del divario di ricchezza razziale. La CNN ha riferito il 30 agosto 2022 che due terzi dei neri americani hanno affermato che la recente maggiore attenzione alla razza e alla disuguaglianza razziale negli Stati Uniti non ha portato a cambiamenti che stanno migliorando la vita dei neri. Un recente studio pubblicato congiuntamente da ricercatori dell'Università di Princeton e dell'Università di Bonn, ha rilevato che il divario di ricchezza razziale è la più grande delle disparità economiche tra americani neri e bianchi, con un rapporto di ricchezza pro capite tra bianchi e neri di 6 a 1. La convergenza della ricchezza razziale tra neri e bianchi dopo l'abolizione della schiavitù seguì un percorso ancora più lento e poi si fermò negli anni '50. Dagli anni '80, il divario di ricchezza si è nuovamente ampliato poiché le plusvalenze hanno beneficiato prevalentemente le famiglie bianche. Nel 2021, il 19,5% dei neri che vivevano negli Stati Uniti viveva al di sotto della soglia di povertà, rispetto all'8,2% dei bianchi, ha affermato il Dipartimento di ricerca di statistica in un rapporto del 30 settembre 2022. Più della metà delle famiglie nere e latine e oltre due terzi dei nativi americani hanno riferito che i recenti aumenti dei prezzi guidati dall'inflazione avevano causato loro seri problemi finanziari, secondo un sondaggio nazionale pubblicato congiuntamente da NPR, Robert Wood Johnson Foundation e Harvard TH Chan School of Public Health ad agosto 8, 2022. L'impatto dell'inflazione sui neri americani è "estremamente devastante", ha affermato il professor William Darity Jr. della Duke University.

  • Aumenta la disuguaglianza. Secondo i dati pubblicati da Statista Research Department, il 30 settembre 2022, il coefficiente di Gini negli Stati Uniti è salito a un livello record di 0,49 nel 2021, poiché il tasso di povertà è aumentato per il secondo anno consecutivo con 37,9 milioni di persone che vivono in povertà. Le statistiche della Federal Reserve statunitense mostrano che la ricchezza totale dell'1% più ricco della popolazione statunitense ha raggiunto la cifra record di 45,9 trilioni di dollari USA alla fine del quarto trimestre del 2021 e le loro fortune sono aumentate di oltre 12 trilioni di dollari, ovvero di più di un terzo, durante la pandemia di Covid-19. Dei circa 1,7 trilioni di dollari di risparmi in eccesso detenuti dalle famiglie americane a metà del 2022, circa 1,35 trilioni di dollari erano detenuti dalla metà superiore dei percettori, mentre solo 350 miliardi di dollari dalla metà inferiore.

  • I tassi di povertà infantile sono sproporzionatamente alti. Secondo i dati diffusi dall'US Census Bureau il 13 settembre 2022, il tasso di povertà nazionale negli Stati Uniti nel 2021 era del 12,8% e il tasso di povertà infantile era del 16,9%. Negli stati del Mississippi e della Louisiana, così come a Washington, DC, i tassi di povertà infantile hanno raggiunto rispettivamente il 27,7%, il 26,9% e il 23,9%. Una ricerca del Center on Poverty and Social Policy della Columbia University ha evidenziato che il tasso di povertà infantile negli Stati Uniti è passato dal 12,1% nel dicembre 2021 al 16,6% nel maggio 2022, rappresentando 3,3 milioni di bambini in più in povertà.

  • E a proposito di genocidio culturale. Gli indiani d'America non hanno visto la loro miseria alleviata. "La prima radice dell'America è stata il genocidio coloniale dei suoi popoli indigeni. Questa radice rimane un pilastro fondamentale della società americana e permea la cultura americana". L'11 maggio 2022 il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha rilasciato la prima parte dell'Iniziativa Federal Indian Boarding School. Ammette gli sforzi passati del governo federale per assimilare i bambini nativi americani nella società bianca americana separandoli dalle loro famiglie e privandoli delle loro lingue e culture. La revisione rileva che dal 1819 al 1969 c'erano 408 scuole federali in 37 stati. I bambini e gli adolescenti di queste scuole sono stati soggetti a sistematiche metodologie militarizzate e di alterazione dell'identità da parte del governo federale, incluse l'attribuzione di nomi inglesi, taglio di capelli e il divieto di usare le lingue native e di esercitare le loro religioni. L'indagine iniziale ha rilevato che 19 collegi hanno causato la morte di oltre 500 bambini indiani d'America, nativi dell'Alaska e nativi hawaiani. Il numero di decessi registrati dovrebbe aumentare fino a decine di migliaia con l'avvio delle indagini. È stato un genocidio, ha detto Marsha Small, una ricercatrice Cheyenne del nord. Donald Neconie, un anziano tribale nativo americano che un tempo era studente in un collegio indiano sostenuto dal governo, ha testimoniato delle difficoltà che ha sopportato, tra cui percosse, frustate, aggressioni sessuali, tagli di capelli forzati e soprannomi dolorosi. Neconie ha ricordato di essere stato picchiato se parlava la sua lingua nativa Kiowa, "Ogni volta che ho provato a parlare Kiowa, mi hanno messo la liscivia in bocca". "Sono stati 12 anni di inferno", ha detto. "Non perdonerò mai e poi mai questa scuola per quello che mi hanno fatto".

 

Questo il link al rapporto completo

 

 

Diego Bertozzi

Diego Bertozzi

Laureato in Scienze Politiche all'Università degli Studi di Milano, si occupa da tempo di storia del movimento operaio e di Cina. Ha pubblicato per Diarkos  "La nuova via della seta. Il mondo che cambia e il ruolo dell'Italia nella Belt and Road Initiative" (2019)

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti