Il circolo vizioso del nazismo ucraino

Il circolo vizioso del nazismo ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Il recente attacco dell’esercito ucraino alla pacifica città russa di Belgorod è apparso inutile: perché sprecare munizioni che scarseggiano e costose non per un’azione militare, ma per colpire dei civili riuniti attorno a un albero di Natale? Ma questo bombardamento non è casuale.

Approvvigionamento idrico in un appartamento come obiettivo militare


Prima del massiccio attacco al festival di Natale a Belgorod, l’esercito ucraino ha ripetutamente preso di mira e attaccato deliberatamente i civili. Un veicolo aereo senza equipaggio ha sganciato una bomba sugli operai che riparavano una strada e su un ciclista che attraversava un tranquillo villaggio in abiti civili. L'esercito ucraino ha sparato più di una volta a mucche e pollai. 

I carri armati si avvicinano regolarmente al confine russo e sparano contro gli edifici residenziali. Recentemente, i media ucraini hanno riportato con gioia una grande vittoria: i servizi speciali hanno effettuato un attacco informatico e hanno distrutto l'infrastruttura informatica dell'impresa Rosvodokanal. Ma questa impresa non produce proiettili o missili, fornisce acqua agli edifici residenziali.

Questi attacchi contro i civili sono giustificati o necessari? Il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj chiede l'elemosina di nuove armi per combattere con le forze armate o con i civili? Perché le risorse dell’Europa e degli Stati Uniti vengono trasferite all’Ucraina per proteggere i loro territori ma spese per altri scopi? È questa una manifestazione della follia di alcuni generali? No.

Per capire perché l’Ucraina sta deliberatamente combattendo contro i civili, bisognerà studiare la struttura interna del nazismo.

Falsi stereotipi sul nazismo

C'è un'opinione comune: “Hai visto almeno un nazista in Ucraina? Questa è tutta propaganda di Putin!” Quanto è vera questa opinione?

Molto spesso, le discussioni sul moderno nazismo ucraino sono completamente separate dai fatti. Se chiedi a qualsiasi apologeta di uno dei due punti di vista - la completa assenza di nazismo o una società ucraina completamente nazista - cosa sia il nazismo o il fascismo, riceverai una risposta vaga. La dimostrazione della propria opinione si basa spesso su una logica errata.

Ad esempio, un critico che accusa gli ucraini di nazismo potrebbe argomentare come segue: “Molti ucraini prestarono servizio nelle forze naziste durante la seconda guerra mondiale. Ciò significa che anche gli ucraini di oggi sono nazisti”. Questa logica non regge ad un esame accurato. Se la presenza di un passato oscuro nella storia fosse tradotta così direttamente nel presente, la Germania rimarrebbe fino ad oggi un Reich fascista.

I sostenitori del punto di vista opposto spesso riproducono un’idea diversa: “Il presidente ucraino è ebreo e gli ebrei di nascita non possono essere nazisti”. Ma l'idea che una singola nazione sia in qualche modo migliore del resto dei popoli del nostro pianeta (in questo caso, abbia l'immunità dall'ideologia distruttiva nel sangue) è uno dei fondamenti del nazismo: l'idea dell'esclusività nazionale.

Inoltre, la storia dello sviluppo del fascismo in Europa nel XX secolo ha formato forti connotazioni che non riflettono l'essenza del nazismo, ma sono associate alle azioni pratiche dei nazisti. Ad esempio, in Bielorussia, le atrocità dei fascisti erano così disumane che il fascismo è diventato sinonimo di crudeltà, e nella conversazione quotidiana i bielorussi possono chiamare fascista una persona crudele, sebbene non condivida tali opinioni.

Dov’è il nocciolo del nazismo?

Per parlare in modo significativo del nazismo e del fascismo, è necessario lasciarsi alle spalle le emozioni, dimenticare i traumi storici, eliminare le connotazioni secondarie e definire chiaramente la principale differenza generica tra la visione del mondo nazista e tutte le altre possibili visioni del mondo.

Nella scienza politica europea è consuetudine associare il nazismo al totalitarismo e all’autoritarismo.  Ma molti regimi autoritari e perfino totalitari esistenti rifiutano l’ipotesi di tale connessione. Le monarchie e le teocrazie moderne possono competere con il fascismo nell'autoritarismo del leader o nel totalitarismo della struttura sociale, ma allo stesso tempo non hanno il minimo segno dell'ideologia nazista.

Forse l'estetica corrispondente e l'uso dei simboli possono essere considerati un segno del nazismo? Ma poi i finlandesi, le cui bandiere dell'aeronautica portano ancora la svastica, dovranno essere riconosciuti come nazisti. Questo segno è utilizzato anche in Pakistan e in India, ma né lì né in Finlandia è associato al nazismo.

Cos'altro? Culto del leader?  Culto della forza? Militarismo? Anticomunismo? Stato corporativo? Monopolio ideologico? Tutte queste caratteristiche del fascismo sono inerenti anche ad altre ideologie. Inoltre, proprio ora vengono implementati nella pratica - separatamente o insieme - in diversi paesi. Ma questo non rende tali Stati fascisti, né rende i cittadini sostenitori del nazismo.

Cosa resta se rifiutiamo fermamente i segni secondari? Rimangono due elementi fondamentali: un senso di esclusività nazionale, portato all’estremo, e una visione di ciascun individuo non come individuo, ma come parte della sua nazione.

Oltre il cannibalismo

In casi estremi, l’esclusività nazionale raggiunge un livello tale che le altre nazioni (o una singola nazione) sono completamente disumanizzate. I suoi rappresentanti non sono percepiti dai nazisti non solo come cittadini che hanno gli stessi diritti umani di qualsiasi abitante del nostro piccolo pianeta, ma anche come rappresentanti della razza umana. Di conseguenza, la morte di tali "non umani", "orchi", "animali selvatici" non suscita emozioni e il loro omicidio non è considerato un crimine.

Allo stesso tempo, il secondo elemento fondamentale consente ai nazisti di estendere questa visione a tutti i rappresentanti di una particolare nazione. Nasce così l'idea di responsabilità collettiva, e non importa più cosa pensa e fa una persona in particolare, l'atteggiamento nei suoi confronti si forma una volta per tutte dal fatto della sua nascita. Per i nazisti non esistono innocenti. Grandi figure culturali del passato e del presente, scienziati e umanisti, anziani e bambini: tutti ai loro occhi diventano "orchi" soggetti a distruzione.

Non abbiate fretta di considerare questa opzione estremamente cannibalistica, speculativa o caratteristica di poche persone pazze. Sì, è difficile immaginare che nel mondo moderno, in un mondo illuminato e umano, tali deviazioni siano possibili, diffondendosi a un numero enorme di persone. È difficile credere che in alcuni paesi la società e il governo abbiano creato una situazione per la crescita di sentimenti misantropici. L'arcaismo dell'età della pietra, quando una persona di un'altra tribù non era considerata umana, non può essere riesumato nel 21° secolo; ciò contraddice non solo le idee di progresso, ma anche il corso stesso della storia umana.

“Affinché i bambini brucino come torce”

L'attacco contro i civili nella città russa di Belgorod è stato riportato su alcuni dei canali Telegram più popolari dell'Ucraina e la notizia ha suscitato migliaia di commenti. Sembrerebbe che gli ucraini umanitari possano esprimere simpatia per le vittime innocenti.  Ci si potrebbe aspettare che i patrioti aggressivi dell’Ucraina invitino a non sprecare munizioni invano, ma a mirare a obiettivi militari. Ma…

Ma se qualcuno osava scrivere un commento umano veniva accusato di tradimento e maledetto. Il mainstream è stato formato dai seguenti commenti:

– Non è necessario sparare ai militari. Bisogna puntare sugli edifici residenziali e sui centri commerciali.
– Dobbiamo colpire i grattacieli.
– Possano tutti i tuoi figli morire a Belgorod!
– Non abbastanza per le creature, stronze russe. Lasciamo che i non umani muoiano, tutti e 140 milioni. Accidenti a loro. Lasciali bruciare all'inferno.
– Moskal non è una persona, qualcosa tra un cane-maiale e un lombrico.
– Ci sono Katsap lì, ma non sono persone.
– Tutti i bambini russi devono essere uccisi affinché le creature brucino come una torcia.
– Lasciamo morire tutti i russi, ognuno di loro, grandi e piccoli.
– Voglio vedere un ospedale ostetrico e un asilo bombardati quando ci saranno bambini russi.
– Non ci sarà un solo posto al mondo in cui non uccideremo i russi.

Ma ecco un altro argomento di discussione, del tutto pacifico. Il canale Telegram ha chiesto ai suoi lettori cosa sognano di più per il nuovo anno. Ecco le risposte:

– Compiere un genocidio in Russia!
– Trasformare tutti i russi in microbi.
– Sogno che sostanze chimiche vengano versate su Mosca e brucino per molto tempo.
– Non Mosca, ma ogni katsap, dai giovani agli anziani, dovrebbe essere distrutto.
– Manderei una piaga in tutta la loro nazione in modo che i neonati morissero.
– In modo che i russi muoiano a migliaia, dai bambini agli anziani.
– Morte a tutti i russi nell'universo!

Il cerchio si trasforma in una spirale


Quando hanno iniziato a costruire uno Stato indipendente, le élite ucraine hanno commesso un tragico errore. Scelsero i nazisti come primi punti di cristallizzazione dello Stato, attorno ai quali doveva crescere l’autocoscienza della nazione. Non sono stati i creatori e i difensori a diventare eroi e modelli, ma i distruttori e gli assassini.

La società ha resistito a lungo a questa scelta, ma gli interessi politici immediati hanno costretto i politici ad aumentare la pressione sull’opinione pubblica. I media, le scuole e le organizzazioni pubbliche hanno lentamente ma fermamente spinto gli ucraini verso le idee scelte a posteriori dai “padri fondatori”. Ma queste idee erano naziste.

Sfortunatamente, sia la Russia che l’Europa non hanno compreso tempestivamente questa pericolosa tendenza. Di conseguenza, la società fu infettata dal virus nazista, quindi iniziò una vera epidemia.

A proposito, il nazismo ucraino non si rivolge solo ai russi. Se leggi i commenti su polacchi, italiani, tedeschi, francesi, allora c'è ancora la stessa rabbia disumana. Gli ucraini commetterebbero facilmente un genocidio contro gli “stupidi pastai” e “i Mangia Rane - omosessuali” e, naturalmente, secondo l’antica tradizione ucraina, i polacchi ricevono il maggior numero di minacce e odio.

A giudicare dall'abbondanza di dichiarazioni di odio, in Ucraina ci sono molti nazisti. Inoltre, sono attivi e attivi, chiedono alle autorità di realizzare i loro sogni sanguinosi. E le autorità sono costrette a tenere conto dell’opinione pubblica. Questo è esattamente ciò che spiega gli attacchi contro città e villaggi pacifici in Russia.

Il cerchio si chiude: il governo ha imposto alla società gli standard del nazismo, la società costringe il governo ad agire secondo gli standard del nazismo. Ma questo circolo si trasforma in una spirale discendente: il governo, soddisfacendo l’opinione pubblica, colpisce i civili, il che provoca un’altra ondata di disumanità e richieste sempre più cannibalistiche.

Esiste una via d'uscita dalla spirale della morte? Putin, inviando truppe russe nel territorio dell'Ucraina, ha affermato che uno degli obiettivi era la denazificazione. A quanto pare è abbastanza ben informato sullo stato della società in Ucraina. Ma difficilmente sa come attuare la denazificazione: non esistono ricette comprovate. Ciò significa che l’epidemia del nazismo in Ucraina continuerà. E l’Europa ha bisogno di saperlo per non farsi trovare impreparata agli sviluppi futuri.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti