DIFESA E INTELLIGENCE/Il coronavirus ferma la produzione di caccia F-35 in Italia e Gia...

Il coronavirus ferma la produzione di caccia F-35 in Italia e Giappone

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

L’epidemia di coronavirus è riuscita anche a fermare quella che viene considerata la più potente arma mai creata dalla macchina bellica statunitense: il caccia stealth F-35. 

 

Le fabbriche in giro per il mondo si sono bloccate. 

 

Il lavoro si è fermato per una settimana nella fabbrica di caccia F-35 in Giappone a causa delle preoccupazioni causate dalla diffusione del coronavirus.

 

"In Giappone, credo che abbiano chiuso la [fabbrica] per una settimana", ha detto il sottosegretario alla Difesa per l'acquisizione e il sostegno di Ellen Lord ai giornalisti durante una conferenza sulla difesa a Washington.

 

Lockheed Martin, produttore di F-35, ha una fabbrica a Ft. Vale, in Texas, oltre a due strutture per l'assemblaggio e il check out finali, spesso denominate FACO, in Giappone e in Italia. I due paesi assemblano i caccia da soli nelle strutture.

 

Lord ha anche dichiarato che mercoledì mattina ha appreso che i lavoratori della Lockheed nello stabilimento dell'F-35 in Italia erano stati invitati a lavorare da casa.

 

La compagnia sta inoltre limitando i viaggi verso lo stabilimento di Cameri, in Italia, a circa 30 miglia a ovest di Milano, dove numerosi voli internazionali sono stati cancellati a causa di preoccupazioni per la diffusione del virus.

 

L'Italia è stata uno dei paesi più colpiti dall'epidemia di coronavirus al di fuori dell'Asia, con il paese che ha annunciato mercoledì che chiuderà temporaneamente le sue scuole e università per due settimane a causa del virus.

 

Il Pentagono ha successivamente rilasciato una dichiarazione in cui affermava che "non ci sono stati impatti sulla linea di produzione".

 

“In Giappone, per conformarsi alle direttive giapponesi sul Coronavirus, Mitsubishi Heavy Industries (MHI) sta temporaneamente chiudendo il FACO giapponese per 1 settimana; da notare che in questo FACO vengono prodotti solo velivoli giapponesi”, ha dichiarato il portavoce DOD Lt. Col Mike Andrews nella dichiarazione.

 

Ha aggiunto che Lockheed sta limitando i viaggi a Cameri per il suo personale, citando le indicazioni di allerta per i viaggi dell'ambasciata del Dipartimento di Stato.

 

Inoltre, i lavoratori di Pratt e Whitney, il produttore del motore F-35, "sono stati indirizzati al telelavoro".

 

“La lotta contro il Coronavirus rimane una priorità assoluta per il dipartimento. (…) Il dipartimento rimane pienamente impegnato con la base industriale della difesa su tutti i programmi, incluso l'F-35, ed è pronto a rispondere quando necessario", ha detto Andrews.

 

Lockheed in seguito ha dichiarato a The Hill che la società "sta lavorando con i nostri clienti e partner per mitigare qualsiasi impatto sulle operazioni internazionali FACO dell'F-35 in Italia e Giappone".

 

"La salute e la sicurezza dei nostri dipendenti rimane la nostra massima priorità. Abbiamo consigliato ai dipendenti di evitare i viaggi verso, attraverso e dal nord Italia in linea con le linee guida del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti".

 

La compagnia ha anche affermato che la produzione di F-35 a Fort Worth "non è stata influenzata dal coronavirus".

 

Fonte: The Hill
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa