/ "Il fascismo moderno sta uscendo allo scoperto": i giornalisti re...

"Il fascismo moderno sta uscendo allo scoperto": i giornalisti reagiscono dopo i nuovi capi di accusa contro Assange

 

Diversi commentatori e giornalisti americani temono la fine della libertà di stampa dopo le accuse, la prima del genere nella storia degli Stati Uniti.


L'accusa del governo statunitense di 17 ulteriori accuse penali contro il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha sorpreso e inorridito i giornalisti all'interno e all'esterno del paese, che si riferiscono a questo atto come un attacco senza precedenti alla libertà di stampa.
 
L'attivista australiano, privato del suo asilo politico ad aprile e successivamente imprigionato nel Regno Unito, ora rischia una pena fino a 175 anni di prigione se viene estradato negli Stati Uniti e riconosciuto colpevole.
 
"L'accusa di spionaggio contro Assange, per le sue pubblicazioni, è un attacco frontale estremamente pericoloso contro la stampa libera - cattivo, cattivo, cattivo", ha lamentato Chris Hayes di MSNBC. "Questo è un territorio pericoloso, pericoloso", ha detto lo scrittore James Ball, sottolineando che "quello che succede ad Assange oggi può succedere al New York Times o al Washington Post domani".
 

 

 
John Pilger, pluripremiato reporter e creatore di documentari, ha anche avvertito che i principali mezzi di comunicazione saranno i prossimi a essere messi sotto i riflettori e hanno dichiarato senza risparmiarsi parole che "il fascismo moderno sta venendo fuori". "La guerra contro Julian Assange è ora una guerra contro tutti", ha aggiunto.
 

 
Da parte sua, Glenn Greenwald, un reporter di The Intercept, ha considerato che le persone che negli ultimi anni hanno affermato di essere preoccupate per gli attacchi alla stampa, "ora dovranno decidere se lo intendono davvero" o se applaudiranno agli "attacchi" alla libertà di stampa di fronte "all'amministrazione del presidente Donald Trump.
 

 
Primo Emendamento
 
L'attacco a cui si riferiscono quest'ultimo e altri comunicatori ha a che fare con il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che proibisce, tra le altre cose, la creazione di leggi che limitano o minacciano la libertà di espressione e di stampa.
 
"Questo è l'attacco più serio al Primo Emendamento da anni, forse nella storia", ha dichiarato il giornalista indipendente Michael Tracey.
"Se rivendichi di essere un sostenitore della 'libertà di stampa' e allo stesso tempo applaudi questo assalto oltraggioso e senza precedenti al Primo Emendamento, sei solo un completo idiota", ha aggiunto.
 

 

 
Tracey ha sottolineato che questa è la "prima volta nella storia" che un giornalista in carica è accusato della cosiddetta Legge di spionaggio degli Stati Uniti. Tuttavia, John Demers, Assistente del Procuratore generale per la sicurezza nazionale, del Dipartimento di giustizia, ha replicato a queste accuse sostenendo che "Julian Assange non è un giornalista".
 

 
A tal proposito, Jeffrey St. Clair, redattore del portale CounterPunch, ritiene che il lavoro di WikiLeaks differisca notevolmente da quello dei media tradizionali, ma solo perché "Assange ha dovuto emettere meno rettifiche rispetto al New York Times e nessuna delle sue storie ha aiutato a lanciare una guerra". Un utente di internet, nel frattempo, ha affermato che l'attivista "sarebbe al sicuro" se, al contrario, avesse sostenuto una guerra.
 

 
 
 
Fonte: Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa