Il governo Duque voleva dare lezioni di democrazia al Venezuela ma provoca 3 morti e 200 feriti nel reprimere le proteste popolari in Colombia

Il governo Duque voleva dare lezioni di democrazia al Venezuela ma provoca 3 morti e 200 feriti nel reprimere le proteste popolari in Colombia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il governo colombiano ha riferito che almeno tre persone sono morte nelle proteste avvenute nell’ambito dello sciopero generale convocato per contrastare il pacchetto neoliberista deciso dal presidente Duque.

 

Ha anche reso noto che circa 273 persone sono rimaste ferite nel giorno della manifestazione culminata in un ‘cacerolazo’ in rifiuto delle misure politiche promosse dal presidente Iván Duque.

 

"Nelle ultime ore le autorità hanno confermato la morte di due persone a Buenaventura e un'altra a Candelaria, entrambe del dipartimento della Valle del Cauca", ha dichiarato il ministro della Difesa Carlos Holmes Trujillo.

 

Secondo le dichiarazioni del funzionario colombiano, i decessi sono avvenuti dopo presunti tentativi di saccheggio nella regione, tuttavia, attraverso i social network sono emersi video che testimoniano l’uso della forza contro i manifestanti da parte degli agenti dello Escuadrón Móvil Antidisturbios (Esmad). 

 

Il presidente Iván Duque, al potere da 15 mesi, affronta la più grande protesta sociale che vuole respingere le misure socio-politiche che intende promuovere nel paese e che causerebbero una maggiore disuguaglianza nella cittadinanza.

 

Le violenze della polizia sono continuate anche nel secondo giorno di protesta. Migliaia di persone si sono mobilitate verso il centro della città suonando le padelle. Il classico ‘cacerolazo’ in segno di rifiuto dell'agenda neoliberista del presidente, Iván Duque. Tuttavia, quando si avvicinarono a Plaza de Bolívar gridando "resistenza", furono repressi con gas lacrimogeni dagli uomini dell’Esmad in tenuta antisommossa.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia