Il ministro degli Esteri siriano Muallem era un visionario del nuovo ordine mondiale multipolare



di Andrew Korybko - OneWorld
 

Il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem è morto all'inizio di questa settimana, ma la sua visione multipolare sarà ricordata per sempre. Il massimo diplomatico della Repubblica Araba ha precedentemente servito come ambasciatore del suo paese negli Stati Uniti dal 1990 al 1999 prima di diventare Assistente Ministro degli Esteri nel 2000, Vice Ministro degli Esteri nel 2005, Ministro degli Esteri nel 2006 e persino Vice Primo Ministro nel 2012. Era anche il Ministro degli Espatriati della Siria. Per apprezzare la sua eredità, il lettore deve comprendere le complesse circostanze in cui ha lavorato.

 

Gli Stati Uniti sono diventati la superpotenza unipolare del mondo dopo la fine della Guerra Fredda proprio quando Muallem è diventato l'ambasciatore siriano nel paese nordamericano. Fu incaricato di gestire i mutevoli rapporti di Damasco con il mondo in quel periodo molto difficile. Fu durante quel periodo che entrambi i paesi tentarono di normalizzare le loro relazioni precedentemente ostili nell'era della Guerra Fredda. Sebbene estremamente impegnativo, Muallem è riuscito nel miglior modo possibile a realizzare il suo compito molto importante.

 

Poco prima di diventare ministro degli Esteri, la Siria si è ritirata militarmente dal vicino Libano in risposta ai cambiamenti politici interni che hanno avuto luogo durante la Rivoluzione dei Cedri seguita all'assassinio del primo ministro Rafik Hariri. Damasco venne accusata di quel crimine, ma lo ha negato con veemenza, e Muallem ha fornito molte prove in difesa del suo paese alle Nazioni Unite. Questa è stata la sua prima vera sfida nel suo nuovo incarico. L'anno successivo, nel 2007, Israele ha bombardato un sospetto reattore nucleare in Siria, provocando una breve crisi.

 

Muallem ha dovuto anche fare i conti con la presenza militare statunitense sempre più aggressiva nel vicino Iraq. Washington aveva accusato Damasco di sostenere le milizie anti-statunitensi, e alcune voci esortavano addirittura il Pentagono ad andare in guerra contro la Repubblica Araba. Per fortuna non non si sono mai concretizzare le richieste dei falchi, ma questo è in gran parte il risultato del successo diplomatico della Siria nel resistere a questo bullismo. Le relazioni siro-americane si sono poi sciolte per un breve periodo di tempo dopo che il Segretario di Stato Kerry ha visitato Damasco nel 2010.

 

È stato dopo l'inizio dell'operazione di regime change regionale, descritta come la cosiddetta "Primavera araba" nel 2011, che il signor Muallem è diventato una figura diplomatica riconosciuta a livello mondiale, anche se probabilmente si è meritato questa distinzione in precedenza per i motivi sopra menzionati. La Siria è stata vittima di una guerra terroristica ibrida guidata dall’estero che includeva la sponsorizzazione di gruppi terroristici, devastanti sanzioni occidentali e diverse false accuse secondo cui Damasco usava armi chimiche contro il suo stesso popolo.

 

La più drammatica di quest'ultima si è verificata alla fine del 2013 e ha quasi portato gli Stati Uniti a lanciare una guerra a tutto campo convenzionale contro la Siria come quella contro la Libia appena due anni prima. Muallem ha svolto un ruolo guida nella risoluzione di questa crisi globale, che ha portato la Siria a consegnare le sue scorte di armi chimiche alla comunità internazionale. Due anni dopo, la Russia ha lanciato un intervento militare anti-terrorismo rivoluzionario a sostegno di Damasco per aiutare a sconfiggere l'ISIS, anche qui Muallem ha svolto un ruolo fondamentale nell'organizzazione dietro le quinte.

 

Nel frattempo, ha simultaneamente aiutato la Siria a reagire a diversi interventi militari turchi senza escalation fino al punto di una guerra più ampia, lo stesso che ha fatto ogni volta che Israele ha lanciato letteralmente centinaia di attacchi contro il suo paese anche negli anni successivi, per non dire nulla anche degli attacchi della coalizione anti-ISIS guidata dagli Stati Uniti. Ci sono volute una pazienza e una moderazione eccezionali per evitare di reagire in modo eccessivo a quelle provocazioni come avrebbero fatto altri nella sua posizione altrove, ma ha mantenuto la calma e ha quindi contribuito a gestire quegli sviluppi destabilizzanti.

 

Va anche detto che la Siria ha mantenuto la sua storica alleanza con l'Iran precedente di diversi decenni il mandato del signor Muallem come ministro degli Esteri. Ha magistralmente bilanciato tra quel paese del Medio Oriente e l'altro alleato russo della Siria senza giocare contro l'altro, a differenza di altri Stati di piccole e medie dimensioni in posizioni altrettanto difficili che avevano storicamente tentato in passato con partner diversi. È importante sottolineare che anche Muallem ha supervisionato il miglioramento delle relazioni siro-cinesi durante questo periodo.

 

Cina, Russia e Iran sono paesi completamente diversi, ma sono tutti uniti per un nuovo ordine mondiale multipolare, che anche la Siria sostiene. Il signor Muallem ha dimostrato che paesi come il suo possono riunirli con successo tutti e tre insieme per creare una sinergia tra i loro sforzi nel perseguimento di questa visione. L'esempio che ha dato a questo riguardo, tra i tanti altri menzionati in questa analisi, garantirà che sia ricordato in tutto il mondo come uno dei più grandi diplomatici del 21° secolo.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti