Il rapporto di Reporter senza frontiere, l'ultimo disperato appiglio per decine di giornali morenti

Il rapporto di Reporter senza frontiere, l'ultimo disperato appiglio per decine di giornali morenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Su tutti i media, come ogni aprile, il nuovo “Rapporto di Reporters sans frontières sulla libertà di stampa”. Quest’anno, per i soliti imperscrutabili calcoli di RSF, il nostro Paese sale dal cinquantaduesimo al quarantaseiesimo posto; al primo posto la Norvegia, al 148° la Russia e bla bla bla….


Sull’attendibilità di questo Rapporto, al pari di quella dell’Oroscopo di Astra, non varrebbe la pena di scrivere neanche un rigo, se non fosse per il riproporsi della “minaccia alla libertà di stampa”, già annunciata un anno fa, rappresentata dal Movimento Cinque Stelle (“Il Movimento 5 Stelle ha spesso condannato la stampa per il suo lavoro e non esita a comunicare pubblicamente l’identità dei giornalisti che lo disturbano”). “Notizia” sbandierata oggi da tutti i media, tra cui Il Corriere della Sera che raccoglie pure le preoccupazioni di Berlusconi di fronte all’ergersi della minaccia Cinque Stelle: “I miei elettori si sentono come gli ebrei al primo apparire di Hitler”.


Sull’obbiettività di Reporters sans frontières e sui suoi finanziatori avevamo già scritto (si veda, ad esempio qui o qui), Non resta, quindi, che congedarsi citando una frase che ci era sfuggita: “Reporters sans frontières è finanziata da Soros ed è molto vicina alla CIA”. L’aveva scritta un giornalista di prim’ordine: il tedesco Udo Ulfkotte. Il 13 gennaio 2017 fu stroncato da uno strano infarto.


Un omicidio (come osarono sospettare alcuni suoi colleghi)? Ma quando mai! La Germania è, da sempre, ai primi posti nella libertà di stampa. Lo assicura il Rapporto di Reporters sans frontières.

 

Francesco Santoianni

 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti