Il senatore statunitense Rand Paul blocca rapida approvazione dell’invio di 40 miliardi di dollari di armi all'Ucraina

Il senatore statunitense Rand Paul blocca rapida approvazione dell’invio di 40 miliardi di dollari di armi all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il senatore repubblicano per lo stato del Kentucky, Rand Paul, ha unilateralmente bloccato, oggi, la rapida approvazione del disegno di legge che concederebbe all'Ucraina un finanziamento aggiuntivo di 39,8 miliardi di dollari.

Il disegno di legge era stato sostenuto dal leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer e dal leader della minoranza repubblicana Mitch McConnell, che hanno chiesto l'accordo unanime di tutti i 100 senatori per votare immediatamente sulla misura. Tuttavia, la votazione è stata rinviata alla prossima settimana dopo il rifiuto di Paul, che chiede di apportare modifiche al finanziamento del progetto.

"Invocando il mio diritto ad opporsi, il mio giuramento è alla Costituzione degli Stati Uniti, non a una nazione straniera, e non importa quanto compassionevole la causa, il mio giuramento è alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti", ha spiegato Paul durante la sessione del Senato convocata per discutere il disegno di legge. "Non possiamo salvare l'Ucraina condannando a morte l'economia statunitense ", ha aggiunto.

Il senatore repubblicano ha ricordato gli alti livelli di inflazione che si sono registrati nel Paese nordamericano negli ultimi mesi. "Gli americani sentono il dolore e il Congresso sembra avere l'unica intenzione di aumentare quel dolore lanciando più soldi fuori dalla porta il più velocemente possibile", ha detto.

Secondo Paul, se il disegno di legge andrà avanti, l'importo stanziato da Washington a Kiev ammonterà a circa 60 miliardi di dollari, il che renderà l'Ucraina "il più grande beneficiario dell'assistenza militare statunitense negli ultimi due decenni".

"Gli Usa non possono permettersi di essere i poliziotti del mondo"

"Questa proposta supera anche le priorità nazionali. L'enorme pacchetto da 60 miliardi di dollari fa impallidire i 6 milioni di dollari spesi ogni anno per la ricerca sul cancro", ha lamentato. "I 60.000 milioni di dollari all'Ucraina potrebbero finanziare parti considerevoli o interi grandi dipartimenti del Gabinetto. È quasi uguale all'intero budget del Dipartimento di Stato", ha sottolineato il senatore.

"Non dobbiamo essere sempre lo zio Sam, il poliziotto che salva il mondo, soprattutto quando succede con i soldi presi in prestito", ha ricordato Paul, il quale ha precisato che gli Usa hanno rappresentato, per il momento, la metà di quanto speso. "Con un debito di 30 trilioni, gli Stati Uniti non possono permettersi di essere i poliziotti del mondo”.

A questo proposito, il senatore Usa ha esortato la Camera a non dimenticare che l'Unione Sovietica è stata sciolta "in gran parte non solo perché era stata sconfitta militarmente, ma perché aveva finito i soldi". "Nel tentativo di salvare l'Ucraina, condanneremo gli Stati Uniti a questo tipo di futuro ?" è la domanda che ha posto.

  • In particolare, l'assistenza prevede di destinare 6 di dollari a nuove spedizioni di armi e all'addestramento delle forze ucraine; oltre a 8.800 milioni di dollari in aiuti economici e 8.700 milioni di dollari per rifornire i depositi di armi inviate dagli Stati Uniti in Ucraina, tra le altre aree.
  • Il pacchetto include anche 3,9 miliardi di dollari per le forze statunitensi dispiegate nell'area, oltre a 900 milioni di dollari per alloggi, istruzione e altri aiuti per i rifugiati ucraini negli Stati Uniti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti