Siria e dintorni/Il vero ruolo di Qassem Soleimani nella guerra siriana

Il vero ruolo di Qassem Soleimani nella guerra siriana

 

Il defunto generale iraniano Qassem Soleimani, assassinato in un attacco degli USA, era una delle figure militari più conosciute nella guerra siriana; tuttavia, il suo ruolo nel conflitto è stato spesso frainteso


Dopo la morte di Soleimani, venerdì 3 gennaio, le agenzie di stampa e i presunti "esperti" iraniani hanno descritto il generale come la "mente" delle operazioni del governo siriano durante la guerra. L'articolo del portale Al Masdar News analizza il ruolo del generale iraniano nella guerra in Siria sgombrando il campo da alcuni equivoci e inesattezze.

 
 
Mobilitazione
 
Non c'è dubbio che Soleimani abbia avuto un ruolo importante nella guerra, soprattutto quando le operazioni del governo siriano si basavano su combattenti di fazioni paramilitari musulmane sciite come Liwaa Fatemiyoun, Kata'eb Hezbollah, Kata'eb Al-Imam 'Ali e Hezbollah siriani e libanesi.
 
Soleimani mobilitava spesso queste fazioni sciite prima delle offensive (ad esempio Aleppo, Dara'a, East Homs) e in seguito visitava il campo di battaglia prima di scomparire tra Siria e Iraq. Quando Soleimani si presentava a questi fronti di battaglia, era considerato il capo delle offensive in arrivo, nonostante non fosse sempre così.
 
In effetti, secondo un ufficiale dell'esercito arabo siriano che ha servito lungo il confine tra Siria e Libano tra il 2011 e il 2015, Soleimani non è mai stato visto da nessuna parte nell'area, ma si ritiene che abbia avuto un ruolo ad Al-Qusayr / Tal Kalakh e nel Qalamoun. Lo stesso si è detto più tardi quando si presentò nel sud di Aleppo (fine 2015) e nel nord di Dara'a (2014), due operazioni che hanno visto una grande presenza di forze paramilitari sciite.
 
Soleimani era senza dubbio amato da molti di questi paramilitari, motivo per cui molti di questi combattenti avrebbero bombardato il comandante della Forza Quds di foto prima delle operazioni. Questa adorazione si rivelerebbe incredibilmente importante quando si trattava di unificare questi diversi paramilitari sotto un unico comando.
 
Con Soleimani, i consiglieri militari iraniani in Siria potevano usare questi paramilitari unificati per realizzare i loro obiettivi militari.
 
Fraintendimenti
 
Il comandante della Forza Quds è spesso considerato l'uomo dietro le operazioni militari di Aleppo e Ghouta orientale; tuttavia, questo non è del tutto vero. Ad esempio, l'operazione di Aleppo dell'Esercito arabo siriano nel 2016, concentrata nella parte orientale della città, non era guidata da Soleimani, e tanto meno dalle forze armate iraniane.
 
Mentre elementi di Hezbollah e paramilitari iracheni hanno avuto un ruolo nell'offensiva orientale di Aleppo, non erano le forze primarie.
 
Le unità primarie erano la Tiger Forces, la Desert Hawks Brigade (ora sciolta), la Guardia repubblicana e diversi battaglioni dell'esercito arabo siriano, delle forze di difesa nazionale e degli Hezbollah siriani. Queste forze siriane stavano prendendo i comandi dai loro stessi leader, che erano nelle sale operative con i militari russi.
 
Il fatto è che quando l'esercito arabo siriano ha preso parte a qualsiasi offensiva dopo settembre 2015, è stato pianificato e coordinato con le forze armate russe.
 
Il Generale sul campo di battaglia
 
Il successo di Soleimani nell'unire e organizzare le forze in Siria fu in seguito visto nelle loro operazioni sul campo di battaglia, che ebbe risultati contrastanti.
 
Mentre le offensive di Hezbollah ad Al-Qusayr e Qalamoun avevano successo, sembrò che quando Soleimani non si affidava esclusivamente al gruppo libanese per le operazioni, i risultati erano diversi.
 
Ad esempio, la prima volta che Liwaa Fatemiyoun ha condotto un'operazione in Siria, ha avuto luogo nel Governatorato di Dara'a.
 
Prima dell'offensiva, Qassem Soleimani era raffigurato con le forze nel nord di Daraa; avrebbero lanciato l'attacco poco dopo la comparsa del comandante iraniano. Tuttavia, l'offensiva di Dara'a settentrionale nel 2014 non è stata un successo e si è conclusa con risultati contrastanti e gravi perdite.
Il comandante della Forza Quds avrebbe poi lavorato con Hezbollah nella parte occidentale di Damasco, dove il gruppo libanese riuscì a circondare la strategica città di Al-Zabadani vicino al confine libanese.
 
L'operazione di Zabadani avrebbe dovuto affrontare un contraccolpo internazionale, poiché Hezbollah e la quarta divisione corazzata dell'esercito arabo siriano furono criticati per aver assediato Al-Zabadani e Madaya. I governi iraniano e turco in seguito hanno concordato un cessate il fuoco in questa zona, insieme alle città sciite di Kafraya e Al-Fou'aa nel Governatorato di Idlib.
 
Per i successivi anni (2015-2017), Soleimani e l'esercito iraniano si sono concentrati sul sollevamento degli assedi nelle città sciite di Al-Zahra'a e Nubl nel nord di Aleppo e Kafraya e Al-Fou'aa in Idlib.
 
L'offensiva settentrionale di Aleppo è stata la prima, quando le unità dell'esercito siriano e le forze paramilitari sciite avanzarono rapidamente a nord della capitale provinciale per revocare l'assedio di tre anni su Al-Zahra'a e Nubl. In questo raro caso, sia i comandi militari russi che iraniani hanno lavorato insieme per pianificare l'operazione.
 
Dopo il successo nel nord, Soleimani rivolse la sua attenzione a Kafraya e Al-Fou'aa, che furono attaccati da gruppi come Jund Al-Aqsa (ora defunto), Jabhat Fateh Al-Sham (ora Hay'at Tahrir Al-Sham ) e l'esercito siriano libero (FSA).
 
L'offensiva meridionale di Aleppo ebbe risultati contrastanti, poiché i paramilitari sciiti furono in grado di guadagnare terreno ad est dell'autostrada Aleppo-Idlib. Tuttavia, l'assenza dell'aeronautica russa si dimostrò un fattore importante quando Jabhat Fateh Al-Sham lanciò una controffensiva su larga scala per riconquistare la città chiave di Tal Al-'Eis.
 
Una volta che l'offensiva a sud di Aleppo si fermò, i consiglieri iraniani in Siria hanno rivolto la loro attenzione per aiutare a proteggere il confine con l'Iraq. I consiglieri iraniani e russi in Siria collaborarono ancora una volta durante la campagna della Siria orientale (2016-2018), con l'esercito siriano che portava da Palmira alla città di confine di Albukamal.
 
Durante questo periodo, le forze iraniane in Siria avrebbero iniziato a spostare le loro basi all'aeroporto militare T-4 a ovest di Palmira e infine ad Albukamal.
 
Gli ultimi anni
 
Durante gli ultimi anni della guerra siriana, Soleimani è stato visto molto poco, poiché la maggior parte delle forze paramilitari sciite ha spostato le proprie operazioni al confine iracheno e l'esercito siriano e le forze armate russe si sono concentrate su Idlib, Dara'a e Damasco.
 
Nonostante l'assenza di operazioni sul campo, le forze armate iraniane e le loro milizie alleate si trovate ad affrontare gli attacchi mensili da parte delle forze di difesa israeliane (IDF), che hanno continuato a colpirle fino all'uccisione di Soleimani all'inizio di questo mese.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa