Il vero volto degli Stati Uniti: uno Stato coloniale, espansionista e genocida

Il vero volto degli Stati Uniti: uno Stato coloniale, espansionista e genocida

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di James Smith - Global Times

La cultura politica statunitense è carica di un fenomeno noto come "eccezionalismo americano". Questa è la convinzione attiva che gli Stati Uniti siano una nazione con qualità e attributi morali come nessun'altra. Sostenuti da questo gonfiato senso di autostima, gli Stati Uniti si dipingono come una forza globale di giustizia e rettitudine. Pensano di essere un paese anticoloniale e antimperialista che sostiene la volontà di tutti i popoli di essere liberi in nome della "democrazia e dei diritti umani". Inquadra ogni avversario geopolitico e rivale che affronta come una minaccia ai valori e all'eroismo che ama, e semplifica le correnti politiche globali in una battaglia fantastica tra il bene e il male.

Tuttavia, questa interpretazione degli Stati Uniti non è solo evidentemente fuorviante, ma è anche un atto di grottesco revisionismo storico che confuta un dibattito onesto sulle origini del paese, le sue motivazioni e la sua ascesa a superpotenza. L'America sostiene che la sua rivoluzione contro l'Impero britannico è il mandato per la sua ricerca della libertà, dell'anticolonialismo e della democrazia in tutto il mondo, ma questo oscura la realtà più empirica che gli Stati Uniti sono uno stato di coloni borghesi che è salito alla ribalta attraverso il genocidio, l'espansionismo e l'estrema aggressività, riscrivendo la storia mentre sormonta i suoi avversari geopolitici per inquadrarsi come una forza del bene nel mondo.

L'America è una democrazia borghese da manuale. È uno Stato che, pur avendo il guscio esteriore della democrazia, ha accordi politici che in pratica sono progettati per garantire gli interessi delle sue classi dirigenti. Gli Stati Uniti sono stati fondati da un gruppo di proprietari terrieri capitalisti espansionisti che avevano rimostranze economiche contro la Corona britannica per via delle sue politiche fiscali coloniali. La Rivoluzione americana fu successivamente una "rivoluzione borghese" per cui le classi di proprietari terrieri, accumulando maggiore potere, miravano a rimuovere l'influenza della monarchia per espandere i propri interessi e assumere il controllo politico. In sostanza, la visione americana dell'"autodeterminazione" è basata sull'ideologia della "libertà classica". Questo non tiene conto del fattore di sfruttamento economico e di dominio che è il vero quantificatore dell'imperialismo.

LA definizione degli Stati Uniti come uno “Stato anticoloniale" è di conseguenza fuorviante. Vengono meglio definiti come uno Stato coloniale e antimonarchico. I nuovi Stati Uniti indipendenti erano espansionisti, sottraendo progressivamente la terra dai nativi americani mentre si spostavano con forza verso ovest, con l'obiettivo di unire le coste orientali e occidentali sotto quello che era noto come "destino manifesto". Ciò ha comportato una serie di guerre contro rivali geopolitici come Messico e Spagna, di cui ha annesso con la forza quantità sempre crescenti di territorio come la California, il Texas e persino le Filippine in Asia. Il paese è stato anche costruito sul lavoro della schiavitù per i primi 60 anni circa della sua esistenza, dimostrando di non avere interesse per i diritti universali e l'uguaglianza tanto quanto lo era per gli interessi economici della borghesia.

In tal caso, da dove viene questa falsa interpretazione della storia? Il senso di eccezionalità americano è una narrazione che si è sviluppata nel tempo in relazione agli eventi geopolitici e storici, invece di essere coerente fin dall'inizio. Gli Stati Uniti sono stati in grado di utilizzare le vittorie sui suoi concorrenti e avversari principalmente geopolitici per legittimare la propria ideologia e posizione a livello internazionale, tra cui la Germania nazista, l'Impero del Giappone e l'Unione Sovietica. Avendo vinto la seconda guerra mondiale, in cui in pratica vi era una competizione geopolitica tra status quo e imperi revisionisti, gli Stati Uniti hanno creato il mito che una tale vittoria significava che erano "i buoni" della storia, agendo per gli interessi di tutte le persone , e quindi nessuno dei loro crimini passati era più rilevante. Questo è un tratto condiviso anche con gli altri paesi "anglosferici" fratelli tra cui Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

In questo caso, gli Stati Uniti si sono riciclati da Stato coloniale, espansionista e genocida, a una versione di una nazione giusta che si batte per la libertà, la democrazia e la libertà di tutti e ha sempre buone intenzioni, basate sulle proprie premessa storica di essere “oppositori” del colonialismo. Questa interpretazione dell'eccezionalismo da allora è stata applicata a ogni lotta geopolitica che l'America abbia mai affrontato, ed è usata per fomentare l'isteria esuberante tra la sua stessa popolazione per amplificare un senso di "minaccia" ai "valori americani" e per giustificare ulteriori guerre e aggressioni intorno il globo. Ma non dovremmo mai dimenticare la realtà della storia e guardare agli Stati Uniti per quello che sono in realtà in contrasto con quello che professano di essere.

L'autore è un analista di relazioni politiche e storiche

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti