In Kazakistan proteste "pianificate e organizzate" secondo esperto cinese

In Kazakistan proteste "pianificate e organizzate" secondo esperto cinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le proteste in Kazakistan erano state programmate da tempo. Questo è quanto sostiene l’esperto cinese Yang Jin, ricercatore junior del Centro per lo studio del Caucaso e dell'Asia centrale presso l'Institute for the Study della Russia, dell'Europa orientale e dell'Asia centrale dell'Accademia cinese delle scienze sociali. 

Lo studioso cinese spiega a Ria Novosti: “Negli eventi kazaki non vediamo manifestazioni standard dell'intervento occidentale, come è stato in Ucraina. Dove gli ambasciatori di diversi stati sono scesi in piazza con agitazione, a volte hanno anche partecipato al coordinamento delle proteste. In Kazakistan, non vedo questo. Ma a giudicare da come si stanno sviluppando gli eventi, se teniamo conto della presenza di manifestanti ben armati, allora possiamo dire che le proteste sono state pianificate e organizzate in anticipo”. 

L'esperto ha poi osservato che gli Stati Uniti e i paesi europei sono sempre stati abbastanza tolleranti nei confronti del Kazakistan e delle sue politiche. "Inoltre, la politica di Nazarbayev (ex presidente del Kazakistan - ndr) volta a stabilire relazioni equilibrate con i grandi paesi ha ricevuto un certo sostegno dall'Occidente. Kazakistan e Uzbekistan occupano posizioni importanti nella strategia di politica estera degli Stati Uniti", ha affermato Yang Jin, aggiungendo che prima dei recenti eventi di protesta questi paesi non venivano criticati.

Gli Stati Uniti hanno affermato tramite il segretario di Stato Blinken di condannare le azioni intraprese dalle autorità del Kazakistan per spegnere le proteste violente, ma secondo Yang Jin è improbabile che Washington imponga sanzioni al paese asiatico. 

Secondo il politologo quanto accade in Kazakistan potrebbe influenzare le relazioni con Pechino. "Sullo sfondo della pandemia, i paesi hanno già affrontato difficoltà nei settori della cooperazione commerciale, economica e degli investimenti. Gli attuali disordini non faranno che esacerbare la situazione”, ma tuttavia i progetti saranno ripresi appena la situazione si sarà calmata.

"Questo è uno dei motivi per cui la Cina spera in una stabilizzazione veloce della situazione in Kazakistan", ha spiegato Yang Jin.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi , durante una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri kazako facente funzioni, Mukhtar Tleuberdim, ha osservato che i recenti eventi in Kazakistan mostrano che l'Asia centrale continua ad affrontare seri problemi, il che dimostra ancora una volta che "alcune forze esterne non vogliono la pace e tranquillità nella regione.” Ha aggiunto che "la parte cinese è pronta ad ampliare la cooperazione bilaterale con il Kazakistan nel campo della lotta alle interferenze esterne, garantendo la sicurezza dei sistemi politici dei due paesi e contrastando qualsiasi tentativo di organizzare rivoluzioni colorate".

Il presidente kazako Tokayev ha definito quanto accade nel paese una guerra terroristica contro il Kazakistan.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa