Insulti a Giorgia Meloni, il classismo dei "progressisti rispettabili"

Insulti a Giorgia Meloni, il classismo dei "progressisti rispettabili"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I vergognosi insulti di Giovanni Gozzini contro Giorgia Meloni sono molto rivelatori del particolare nesso tra classismo e condizione femminile. La dicono poi lunga sul decadimento culturale della sinistra, sempre più identificabile con il popolo dei "progressisti rispettabili e benestanti". 

 

Oltre ai vergognosi insulti come "ortolana", "pesciaiola", "scrofa", "vacca" fa infatti molto riflettere la considerazione secondo cui Giorgia Meloni non possa parlare da pari a pari con Draghi, il tecnico oggi venerato come un dio. Per i progressisti rispettabili non solo è intollerabile che la destra sia in grado di avere delle donne leader politici nazionali, ma è incomprensibile che un politico (donna!) si comporti come tale, difenda cioè la posizione e gli interessi del proprio partito e non si adegui invece alla dittatura della governance.

 

Viene allora il sospetto che la sinistra oggi maggioritaria non sia capace di lasciare spazio alle donne non solo per le antiche tare maschiliste presenti nel paese, non solo per il classismo che si manifesta in maniera accentuata per le donne che non provengono dai ceti sociali benestanti, ma anche per il tipo di politico che i progressisti rispettabili riescono oggi tollerare, ovvero i meschini, senza uno straccio di idea, incapaci di esprimere un barlume di autonomia politica.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse! di Giorgio Cremaschi Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking" di Francesco Santoianni La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Canada, quando la toppa è peggio del buco... di Alberto Fazolo Canada, quando la toppa è peggio del buco...

Canada, quando la toppa è peggio del buco...

La pubblicità Esselunga con un solo piccolo cambiamento di Antonio Di Siena La pubblicità Esselunga con un solo piccolo cambiamento

La pubblicità Esselunga con un solo piccolo cambiamento

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO di Gilberto Trombetta IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE? di Michelangelo Severgnini È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

A proposito di "governo tecnico"... di Pasquale Cicalese A proposito di "governo tecnico"...

A proposito di "governo tecnico"...

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Le nuove armi di Putin di Giuseppe Masala Le nuove armi di Putin

Le nuove armi di Putin

Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream" di Paolo Pioppi Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream"

Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream"

Javier Milei: il Trump della Pampa? di Paolo Arigotti Javier Milei: il Trump della Pampa?

Javier Milei: il Trump della Pampa?

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale di Damiano Mazzotti L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale