Israele nel ridicolo. Sequestra cioccolata diretta a Gaza perché destinata a finanziare Hamas

Israele nel ridicolo. Sequestra cioccolata diretta a Gaza perché destinata a finanziare Hamas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Israele è stato accusato di "agire come un cattivo dei cartoni animati" dopo aver confiscato una spedizione di barrette di cioccolato diretta a Gaza, sostenendo che facevano parte di una rete che finanziava le operazioni di Hamas.

Lunedì scorso, secondo quanto riferito, funzionari dell'autorità fiscale hanno intercettato la spedizione di 23 tonnellate mentre passava dall'Egitto in Israele. 

Il carico doveva essere portato a Gaza da due società di importazione – al-Mutahidun Currency Exchange e Arab al-Sin – che, secondo i funzionari, sono di facciata per Hamas. Entrambe le società sono state designate come organizzazioni terroristiche dalla Israel Money Laundering and Terror Financing Prohibition Authority.

A maggio, si è raccontato che l'intelligence delle forze di difesa israeliane (IDF) abbia scoperto che le società appartengono a un gruppo guidato dall'uomo d'affari del cambio valuta di Gaza Zahir Younes Shmalach, che a quanto pare le stava usando per "incanalare decine di milioni di dollari" dall'Iran verso Hamas, scrive il Jerusalem Post.

 

 

 

 

Israele continuerà ad agire per impedire che Hamas diventi più forte. Sta costruendo una forza militare invece di prendersi cura della gente della Striscia [di Gaza] che sta crollando per il peso economico", ha detto il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz in una nota dopo aver firmato un ordine esecutivo che autorizza il sequestro delle barrette di cioccolato.

Block Quote "Continueremo a dare la caccia alle reti che finanziano il terrorismo, indipendentemente dal metodo che scelgono". 

Gli utenti dei social media hanno ridicolizzato l'affermazione secondo cui Hamas veniva finanziato attraverso le stesse strade utilizzate dalle "squadre di baseball della piccola lega", mentre un altro ha giustapposto la bandiera di Hamas con uno striscione delle Girls Scouts degli Stati Uniti, che notoriamente vende biscotti e cioccolato per i finanziamenti.

 

 

Persino il caporedattore del Post, Yaakov Katz, non ha resistito a prendere in giro l' accusa di "terrorismo dei fondi di cioccolato" . Katz ha fatto un ulteriore passo avanti nel chiedersi se "il cioccolato fosse il nuovo nemico dello stato ebraico" dopo il recente fiasco di Ben & Jerry.

 

 

I funzionari israeliani hanno litigato con la società di gelati il ??mese scorso dopo aver deciso di interrompere la vendita dei suoi prodotti nei territori palestinesi occupati. 

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha paragonato la mossa al "terrorismo economico". 

 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti