Korybko - Interpretare l'avvertimento di Sputnik sulla provocazione nucleare di Kiev

Korybko - Interpretare l'avvertimento di Sputnik sulla provocazione nucleare di Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ammiraglia dei media internazionali russi, finanziata pubblicamente, Sputnik, ha citato quelle che descrive come fonti credibili senza nome in vari Paesi per lanciare l’allarme sul fatto che Kiev starebbe tramando una provocazione nucleare false flag per coinvolgere Mosca. Korobochka, una popolare fonte di informazione russofila su Twitter, ha precedentemente elaborato questo scenario nel suo articolo Substack sul perché "La Russia non userà armi nucleari in Ucraina". L'articolo ha generato una discussione in una parte della comunità dei media alternativi (AMC) che ha appena acquisito maggiore credibilità alla luce del terribile avvertimento di Sputnik.

Secondo questa autorevole testata, Kiev sta costruendo una bomba sporca che intende utilizzare per "lanciare una campagna globale anti-russa volta a minare la fiducia in Mosca". Aggiungendo che questo "provocherà una reazione estremamente negativa da parte della comunità internazionale. Di conseguenza, Mosca perderà il sostegno di molti dei suoi partner chiave, mentre l'Occidente cercherà nuovamente di sollevare la questione di privare la Russia dello status di membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU e di aumentare la sua retorica antirussa". Considerando la gravità della posta in gioco, tutto questo dovrebbe essere preso molto sul serio.

C'è una certa logica insita in questi avvertimenti che li rende ancora più credibili, ovvero lo schema di Kiev e dei suoi patrocinatori nel miliardo d'oro dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti, che sostengono falsamente che la Russia stia facendo proprio ciò di cui loro stessi sono colpevoli. Questa arma delle teorie cospirazioniste false flag riguarda di recente le accuse controfattuali secondo cui la Russia starebbe bombardando la stessa centrale nucleare di Zaporozhye (ZNPP) sotto il suo controllo e starebbe complottando per far saltare la diga di Kakhovka al fine di inondare il proprio territorio e scatenare una crisi umanitaria in Crimea privando la penisola dell'acqua.

Va da sé che queste due affermazioni sono insensate, simili nello spirito a quelle di Biden che, all'inizio del mese, ha affermato che la Russia avrebbe spinto il mondo sull'orlo dell'Armageddon. Il leader statunitense ha affermato che la sua controparte sta complottando per usare armi nucleari nel conflitto ucraino, il che è un deliberato stravolgimento delle sue parole rispetto all'avvertimento del Presidente Putin che la Russia userà tutti i mezzi a sua disposizione per difendere la sua integrità territoriale. L'unico scenario credibile che questo accada è come ultima risorsa assoluta per autodifesa.  

Il generale Surovikin, appena nominato comandante dell'Esercito per le operazioni speciali, ha cercato di prevenire questo scenario proprio attraverso l'attuazione da parte del suo Paese della propria versione di "shock and awe" nelle ultime settimane. Indebolendo le capacità militari dell'avversario dietro la Linea di controllo (LOC), la Russia ha ridotto notevolmente la probabilità che Kiev possa colpire la regione della Novorossiya, con la quale si è recentemente riunificata, spingendo così Mosca a difendere la propria integrità territoriale con armi nucleari tattiche come ultima risorsa.

Comunque sia, i media occidentali a guida statunitense (MSM) e Kiev continuano a temere che il Cremlino abbia ancora intenzione di usare queste armi di distruzione di massa (WMD), per di più a scopo offensivo invece che puramente difensivo, come invece farebbe in caso di assoluta necessità. Questa narrazione di guerra informativa ricorda a molti osservatori i precedenti falsi flag secondo cui la Russia si era già armata a proposito della ZNPP e della diga di Kakhovka, facendo sorgere in molti il dubbio che Kiev stia effettivamente tramando un simile falso flag, proprio come ha appena avvertito Sputnik.

Fino alla pubblicazione dell’articolo di domenica pomeriggio da parte di questa autorevole testata, era rimasto nel campo delle speculazioni prendere seriamente in considerazione questo scenario, poiché si presumeva giustamente che la Russia avrebbe almeno inviato una sorta di segnale semi-ufficiale al riguardo, esattamente come aveva fatto in precedenza quando il miliardo d'oro stava complottando attacchi con armi chimiche a bandiera falsa in Siria. Ora che ha indirettamente esteso il credito a questa possibilità tramite Sputnik, tutti dovrebbero essere molto preoccupati perché il Cremlino vuole chiaramente che la gente stia attenta a un false flag legato al nucleare nel prossimo futuro.

Per essere chiari, questo non significa che tale scenario sia imminente, né che si verificherà. Quanto viene segnalato è che lo scenario dovrebbe essere preso sul serio e non più liquidato come pura speculazione, dal momento che Sputnik non ne parlerebbe citando fonti credibili e non citate, a meno che la Russia non ritenga che qualcosa del genere sia stato davvero architettato dai suoi avversari. Ricordando i vaghi dettagli condivisi nel loro articolo, sembra proprio che la motivazione dietro questa provocazione senza precedenti con le armi di distruzione di massa sia quella di coinvolgere la Russia e cercare così di esercitare ulteriori pressioni su di essa.

Ciò potrebbe assumere la forma di qualsiasi cosa, da un'ulteriore coercizione dei suoi partner nel Sud globale (in particolare quelli cinesi e indiani, altrettanto strategici, con i quali la Russia sta costruendo congiuntamente l'emergente ordine mondiale multipolare) a prendere le distanze dalla potenza mondiale appena restaurata, fino a creare artificialmente il pretesto per un intervento militare convenzionale a guida statunitense nel conflitto ucraino. Il primo sarebbe semplicemente la continuazione di una tendenza preesistente, mentre il secondo è stato casualmente suggerito dall'ex capo della CIA Petraeus, che ha proposto una cosiddetta "coalizione dei volenterosi".

Gli osservatori dovrebbero anche tenere presente che l'élite democratica al potere negli Stati Uniti è alla disperata ricerca di qualcosa di drammatico nella guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l'Ucraina, nella speranza di attutire il colpo che gli elettori dovrebbero infliggere loro durante le prossime elezioni di metà mandato. Se la controffensiva di Kherson continuerà a temporeggiare, ne consegue naturalmente che la provocazione nucleare false flag potrebbe essere avviata per creare una grave crisi che potrebbe spaventare gli statunitensi e spingerli a sostenere il partito in carica per motivi "patriottici" manipolati dai media mainstream.

Riflettendo sulle intuizioni condivise finora in questa analisi, ci sono quindi tre motivazioni primarie dietro la potenziale autorizzazione degli Stati Uniti a Kiev a procedere con la provocazione nucleare false flag di cui Sputnik ha appena dato notizia. Si tratta del desiderio dell'élite democratica al potere di far accadere qualcosa di drammatico in questa guerra per procura, allo scopo di attutire il colpo degli elettori al loro partito o di radunare gli statunitensi intorno ai politici in carica in vista delle elezioni di metà mandato; di esercitare ulteriori pressioni sul Sud globale affinché prenda le distanze dalla Russia; di creare eventualmente il pretesto per un intervento diretto a guida statunitense.

Ognuno di questi aspetti è strategico a suo modo e potrebbe quindi finire per cambiare le carte in tavola se anche uno solo di essi dovesse avere successo, nel caso in cui questo complotto nucleare false flag andasse in porto. Detto questo, ci sono anche ragioni per cui potrebbe non accadere, in primo luogo perché la Russia lo sta già indirettamente smascherando attraverso il pre-bunkeraggio perfettamente tempestivo appena effettuato da Sputnik. In secondo luogo, nessuno può prevedere esattamente come reagirebbe la Russia se Kiev facesse esplodere un ordigno nucleare e coinvolgesse immediatamente Mosca. In terzo luogo, un'ambiguità simile esiste quando si tratta di un intervento guidato dagli Stati Uniti nel conflitto.

In definitiva, gli osservatori dovrebbero decidere da soli quanto questo scenario sia davvero credibile, ma non dovrebbero nemmeno scartarlo, anche nel caso in cui restassero scettici, poiché Sputnik non avrebbe citato fonti credibili senza nome per mettere in guardia se il patron dello Stato non lo avesse ritenuto possibile. Tutto ciò che si può sapere con certezza è che entrambi i partecipanti diretti a questo conflitto stanno avvertendo che l'altro starebbe tramando grandi attacchi false flag, il che suggerisce che tutti dovrebbero prepararsi a qualcosa di grosso nel prossimo futuro, anche se non è ancora chiaro cosa potrebbe accadere esattamente.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

 
 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente