La Cina chiede che gli Stati Uniti rispettino le elezioni venezuelane

La Cina chiede che gli Stati Uniti rispettino le elezioni venezuelane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina chiede rispetto per il sistema e la pratica democratica del Venezuela, nonché per la tornata elettorale indipendente dove il popolo venezuelano ha liberamente espresso la propria preferenza. Questo è quanto affermato da Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Affari Esteri di Pechino. 

Il diplomatico cinese ha fatto le sue osservazioni in risposta a una domanda sui commenti del Segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony Blinken, sulle mega elezioni regionali in Venezuela, dove sono stati scelti 23 governatori e 335 sindaci.

Le elezioni hanno premiato nuovamente il chavismo: i candidati del PSUV hanno vinto in 20 dei 23 Stati che compongono il Venezuela. Socialisti e alleati hanno inoltre eletto più di 205 sindaci. 

Zhao ha indicato che la parte cinese ha seguito la situazione in Venezuela e ha osservato che il processo elettorale è stato stabile e ordinato, cosa ratificata da diverse organizzazioni di monitoraggio internazionali, inclusa una rappresentanza dell'Unione europea.

Lijian ha affermato che si tratta di una questione interna al Venezuela che il governo e il popolo tengano elezioni locali in conformità con la loro Costituzione e la loro legge.

"Questo non dovrebbe essere oggetto di accuse deliberate o di flagranti interferenze da parte di forze esterne", ha affermato il diplomatico di Pechino durante una conferenza stampa. 

Inoltre, Zhao Lijian ha invitato tutti i Paesi del mondo a “svolgere un ruolo costruttivo nella soluzione politica dei problemi del Venezuela, nazione impegnata in un dialogo nazionale tra le forze politiche, promosso in maniera sovrana dal governo del Presidente Nicolás Maduro Moros”.

La Cina ha sempre aderito al principio di non interferenza negli affari interni di altri paesi, ha ricordato Zhao Lijian.

Il diplomatico cinese ha aggiunto: “Crediamo che il governo e il popolo venezuelano siano in grado di gestire adeguatamente i loro affari nazionali interni".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai