/ La Cina implacabile con la corruzione nelle aziende statali

La Cina implacabile con la corruzione nelle aziende statali

 
 

Quando il presidente cinese Xi Jinping è salito al potere nel 2013, una delle principali bandiere da lui sostenute è stata la lotta alla corruzione.

 

Alla fine dell'anno, un'altra forte notizia legata al problema irrompe nel Paese: la condanna a 12 anni di reclusione di un ex presidente del conglomerato di Sinochem, uno dei più grandi del mondo.

 

Cai Xiyou ha avuto una lunga carriera nella compagnia petrolifera Sinopec, dove ha lavorato dal 1997 fino a essere nominato alla direzione di Sinochem nel 2016, anno in cui ha iniziato a essere indagato.

 

È stato accusato di aver ricevuto tangenti fino a 23,6 milioni di yuan (7,8 milioni di dollari).

In cambio, Cai ha facilitato l'attività di acquisto e vendita illegali di prodotti raffinati tra il 1997 e il 2016, mentre manipolava gli appalti pubblici.

 

L'ex direttore generale di Sinochem ha rifiutato la possibilità di fare appello e si è dichiarato colpevole delle accuse per evitare la possibilità di ulteriori sanzioni.

Fonte: America XXI
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa