La dichiarazione di Biden sul genocidio armeno avvicina la Turchia a Russia e Cina

La dichiarazione di Biden sul genocidio armeno avvicina la Turchia a Russia e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le relazioni tra Turchia e Russia potrebbero diventare più strette dopo il riconoscimento del genocidio armeno nell'impero ottomano da parte del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, secondo Dogu Perincek, politico turco del Vatan Partisi, le cui dichiarazioni in merito sono state raccolte dall’agenzia TASS. 

"Dopo la sua dichiarazione (di Biden), le relazioni tra Turchia e Russia diventeranno sicuramente più strette", ha detto Dogu Perincek, che presiede il partito Vatan (Patria). "La dichiarazione di Biden è un attacco alla Turchia, all'Asia, alla Russia e alla Cina".

"La dichiarazione di Biden non riguarda i diritti umani. E questo incidente non può essere valutato nel quadro del dibattito storico. Biden ha poi agito a partire dalla Turchia per prendere misure contro Russia e Cina".

Perinçek ha anche sottolineato nella sua intervista la richiesta avanzata al governo turco dal Vatan Partisi di prendere il controllo della base militare di Incirlik e che i soldati statunitensi lascino la base entro 15 giorni.

Presa di posizione della Cina

L'ambasciata cinese ad Ankara - riporta il quotdiano Aydinlik - ha condiviso le critiche alla definizione di "genocidio" del presidente del partito Vatan Do?u Perinçek usata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden riguardo agli eventi del 1915, tramite il suo account sul social media Twitter. Il presidente del Partito della Patria Dogu Perincek è stato ospite del programma "Headline" in onda su CRI Türk. Perinçek ha bollato come menzogna la definizione di genocidio data da Biden e aggiunto che viene utilizzata come un'arma dagli Stati Uniti contro i paesi che ha dichiarato avversari. 

L'ambasciata cinese ad Ankara ha condiviso l'intervista di Perincek sul suo account Twitter. Condividendo il link YouTube del programma, l'Ambasciata ha condiviso la valutazione di Dogu Perincek che "il genocidio è uno strumento utilizzato dagli Stati Uniti contro paesi dichiarati avversari".

Le valutazioni del Cremlino

Il corso indipendente della Turchia ha fatto scattare l'allarme negli Stati Uniti e nella NATO, quindi sono usciti con dure dichiarazioni contro Ankara, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in una trasmissione in onda su Channel One TV, come riferisce l’agenzia TASS. 

"La Turchia e l'impegno della Turchia per il suo corso di sviluppo indipendente, che è piuttosto fermo, sono generalmente oggetto di maggiore attenzione e, forse, preoccupazione per la NATO. E, naturalmente, questo è un argomento di preoccupazione degli Stati Uniti e del modo in cui gli Stati Uniti stanno cercando di alzare la voce con Ankara sulla questione degli S-400 (i sistemi di difesa aerea prodotti dalla Russia) e le altre azioni di Ankara indicano ovviamente che a Washington non piace il modo in cui Erdogan sta guidando con sicurezza la Turchia e che preferirebbero una Turchia più compiacente", ha spiegato Peskov.

Il portavoce presidenziale russo ha anche affermato di dubitare che il desiderio di capire la storia sia alla base delle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sul riconoscimento del genocidio degli armeni sotto l'Impero Ottomano.

"Credo che in misura maggiore il riconoscimento del genocidio da parte di Washington sia molto probabilmente parte integrante di questa tattica del bastone e la carota. Questo non è il desiderio di mostrare simpatia per il popolo armeno e non è il desiderio di capire profondamente la storia dell'Impero Ottomano e la storia dell'Armenia", ha sottolineato Peskov.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti