La realtà dell'esodo forzato di Gaza: svelato il piano segreto di Israele

La realtà dell'esodo forzato di Gaza: svelato il piano segreto di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jessica Buxbaum - MintPress News

Lo scorso fine settimana, il quotidiano israeliano Local Call ha diffuso un documento ufficiale del governo israeliano che raccomanda quanto i palestinesi sostengono che Israele stia già cercando di eseguire con la sua guerra contro Gaza: il trasferimento forzato dei 2,3 milioni di palestinesi di Gaza nella penisola del Sinai in Egitto.

L'ufficio del Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha riconosciuto l'esistenza della proposta del Ministero dell'Intelligence. Tuttavia, in una dichiarazione al Times of Israel, l'ha liquidata come un "documento concettuale, il cui contenuto viene preparato a tutti i livelli del governo e delle sue agenzie di sicurezza".

Tuttavia, le azioni israeliane, le informazioni circolanti e il sostegno internazionale indicano che questa politica sulla carta si sta rapidamente trasformando in una politica sul campo.

Dalla bozza alla realtà

Il documento, datato 13 ottobre, chiede a Israele di "evacuare la popolazione civile [gazana] nel Sinai", creando prima delle tendopoli e poi costruendo nuove città nel Sinai settentrionale. Dopo il reinsediamento, il documento raccomanda di "creare una zona sterile di diversi chilometri all'interno dell'Egitto e di non permettere alla popolazione di tornare a svolgere attività o a risiedere vicino al confine israeliano".

Netanyahu sta già cercando di mettere in atto questo piano. La scorsa settimana, secondo il Financial Times, il primo ministro israeliano ha cercato di convincere i leader europei a fare pressione sull'Egitto affinché accetti i rifugiati da Gaza. I diplomatici di Francia, Germania e Regno Unito, tuttavia, hanno respinto l'idea, citando il forte rifiuto dell'Egitto al trasferimento dei palestinesi da Gaza.

Fallita questa strada, Netanyahu starebbe proponendo di cancellare una grossa fetta del debito egiziano attraverso la Banca Mondiale per incentivare il Paese ad accogliere la popolazione di Gaza.

"Tutto ciò che è stato descritto in questo documento in termini di modalità è tutto ciò che stiamo vedendo in questo momento", ha dichiarato a MintPress News l'avvocato internazionale per i diritti umani Diana Buttu.

La prima fase del piano descrive i bombardamenti aerei di Israele sulla sezione settentrionale della Striscia di Gaza e lo spostamento della popolazione di oltre un milione di persone verso sud. La seconda fase prevede l'invasione di terra da parte di Israele, a partire dal nord per poi conquistare l'intera regione.

"La compressione dei palestinesi in aree sempre più piccole potrebbe essere solo la prima di quella che alla fine sarà la realizzazione di questi piani sulla carta", ha dichiarato a MintPress News Adam Shapiro, direttore di Israele/Palestina per il gruppo per i diritti Democracy for the Arab World Now (DAWN).

Il controverso documento del Ministero dell'Intelligence non è l'unico documento politico che raccomanda il trasferimento forzato di 2,3 milioni di gazesi in Egitto. Il 17 ottobre, il think tank israeliano Misgav (o Istituto per la sicurezza nazionale e la strategia sionista) ha pubblicato un documento scritto dal ricercatore di Misgav Amir Weitmann, intitolato "Un piano per il reinsediamento e la riabilitazione finale in Egitto dell'intera popolazione di Gaza: aspetti economici". Weitman è un attivista del partito Likud di Netanyahu e, secondo quanto riferito, uno stretto collaboratore del ministro dell'Intelligence Gila Gamliel.

Il rapporto chiede che "Israele...[trasferisca] il maggior numero possibile di gazesi in altri Paesi; qualsiasi altra alternativa, compreso il governo dell'Autorità palestinese, è un fallimento strategico. Pertanto, la popolazione di Gaza dovrebbe essere trasferita nel deserto del Sinai e gli sfollati assorbiti in altri Paesi".

Misgav ha pubblicato il documento su X (precedentemente noto come Twitter) insieme a un tweet che ne illustrava le argomentazioni principali. Il post è stato cancellato in seguito alle numerose reazioni.

Il tweet originale recitava:

“Esiste attualmente un'opportunità unica e rara di evacuare [sic] l'intera Striscia di Gaza in coordinamento con il governo egiziano. È necessario un piano immediato, realistico e sostenibile per il reinsediamento e la riabilitazione umanitaria dell'intera popolazione araba della Striscia di Gaza, che sia in linea con gli interessi economici e geopolitici di Israele, Egitto, Stati Uniti e Arabia Saudita”.

- Nel 2017 è stato riferito che in Egitto ci sono circa 10 milioni di unità abitative sfitte, di cui circa la metà costruite e l'altra metà in costruzione. Ad esempio, nelle due maggiori città satellite del Cairo... c'è un'enorme quantità di appartamenti costruiti e vuoti di proprietà del governo e di privati, e aree di costruzione sufficienti a ospitare circa 6 milioni di abitanti.

- Il costo medio di un appartamento di tre stanze con una superficie di 95 metri quadrati per una famiglia media gazana composta da 5,14 persone in una delle due città sopra indicate è di circa 19.000 dollari. Tenendo conto delle dimensioni attualmente note dell'intera popolazione che vive nella Striscia di Gaza, che va da circa 1,4 a circa 2,2 milioni di persone, si può stimare che l'importo totale richiesto e da trasferire all'Egitto per finanziare il progetto, sarà dell'ordine di 5-8 miliardi di dollari.

- L’iniezione di uno stimolo immediato di tali dimensioni nell'economia egiziana fornirebbe un beneficio enorme e immediato al regime di al-Sisi. Queste somme, in relazione all'economia israeliana, sono minime. Investire qualche miliardo di dollari (anche se si tratta di 20 o 30 miliardi) per risolvere questo difficile problema è una soluzione innovativa, economica e sostenibile.

- Non c'è dubbio che, per realizzare questo piano, devono esistere molte condizioni contemporaneamente. Attualmente queste condizioni sono ottimali, e non è chiaro quando ci sarà un'altra opportunità del genere, se mai si presenterà.

Successivamente, il 19 ottobre, Misgav ha pubblicato un altro documento relativo a Gaza, intitolato Hamas Enjoys Widespread Support Among Gaza's Population (Hamas gode di un ampio sostegno tra la popolazione di Gaza), scritto dal collega Yishai Armoni.

In questo saggio, Armoni descrive nei dettagli il notevole sostegno di cui Hamas gode tra i suoi elettori, scrivendo:

“Nonostante si affermi che la maggioranza della popolazione di Gaza desideri la pace e sia prigioniera di Hamas, i dati e le prove raccolte negli ultimi due decenni dimostrano costantemente il contrario. Hamas gode di un ampio sostegno tra la popolazione civile di Gaza".

Il documento conclude poi "che le affermazioni sull'esistenza di una chiara demarcazione ideologica o politica tra la maggioranza dei residenti di Gaza e Hamas sono del tutto infondate".

Pur chiarendo di non confondere i civili con i militanti di Hamas, Armoni osserva che la popolarità di Hamas tra i residenti di Gaza dovrebbe essere presa in considerazione "per quanto riguarda le decisioni relative alla campagna militare e agli accordi postbellici nella Striscia di Gaza".

L'Istituto Misgav non ha risposto alle richieste di commento di MintPress News su questi documenti di posizione.

Il consulente legale israeliano Itay Epshtain ha spiegato sui social media come le opinioni delineate nei recenti documenti del Misgav si stiano già traducendo in azione.

Secondo i volantini lanciati dall'esercito israeliano sul nord di Gaza, chiunque non parta per il sud potrebbe essere considerato affiliato ad Hamas.

Inoltre, i dirigenti del Misgav sembrano già parte integrante della legislazione governativa. Misgav è diretto dall'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Netanyahu Meir Ben Shabbat, una figura influente nella sfera della sicurezza israeliana e uno degli architetti degli accordi di normalizzazione di Israele con gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e il Marocco. Il Misgav è finanziato anche dal Kohelet Policy Forum, noto per essere dietro i piani di revisione giudiziaria dell'attuale governo israeliano.

Anche i fondatori e gli ex presidenti dell'Istituto sono legati al governo israeliano. L'ex presidente Yoaz Hendel è stato ministro delle Comunicazioni israeliano. Moshe Yaalon è stato Ministro della Difesa sotto Netanyahu. Moshe Arens è stato anche ministro della Difesa e degli Affari esteri. Natan Sharansky è stato Ministro degli Interni e Vice Primo Ministro.

Gli Stati Uniti sono "complici”

Uno dei punti critici del documento del Ministero dell'Intelligence ha sottolineato la necessità di sfruttare il sostegno internazionale per il piano di espulsione - cosa che, secondo gli analisti, gli alleati occidentali di Israele stanno già facendo.

Il 20 ottobre, la Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di finanziamento di 14 miliardi di dollari per gli aiuti a Israele, Gaza e Ucraina. Il linguaggio della lettera è stato oggetto di critiche per aver suggerito il trasferimento forzato dei gazesi in altri Paesi.

Nella lettera si legge:

“Queste risorse sosterrebbero i civili sfollati e colpiti dal conflitto, compresi i rifugiati palestinesi a Gaza e in Cisgiordania, e risponderebbero alle potenziali esigenze dei gazesi in fuga verso i Paesi vicini... Questa crisi potrebbe portare a sfollamenti oltre il confine e ad un aumento delle esigenze umanitarie a livello regionale, e i fondi potrebbero essere utilizzati per soddisfare le esigenze di programmazione in evoluzione al di fuori di Gaza".

DAWN ha criticato il linguaggio della richiesta della Casa Bianca e ha chiesto al Congresso di respingere la legge di finanziamento supplementare.

"L'amministrazione Biden non sta solo dando il via libera alla pulizia etnica, ma la sta finanziando", ha dichiarato Sarah Leah Whitson, direttore esecutivo di DAWN. “Questo abuso degli USA per agevolare i piani israeliani di lunga data per spopolare Gaza sotto la copertura di 'aiuti umanitari' è un imbroglio crudele e grottesco".

Sebbene la richiesta della Casa Bianca abbia riconosciuto la possibilità che i gazesi vengano espulsi durante la guerra, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è precedentemente schierato contro questo spostamento forzato. La Casa Bianca non ha risposto alla richiesta di MintPress News di commentare la legge sugli aiuti.

"Gli americani stanno sostenendo Israele e stanno creando condizioni sul campo che sono catastrofiche dal punto di vista umanitario", ha dichiarato Shapiro di DAWN a MintPress News.

Finora, gli Stati Uniti hanno ripetutamente respinto le richieste di un cessate il fuoco nella guerra di Israele contro Gaza. Tuttavia, Biden ha recentemente invocato una "pausa" per garantire il rilascio dei prigionieri americani detenuti da Hamas. Gli Stati Uniti hanno anche inviato alti ufficiali dell'esercito per consigliare le forze armate israeliane sulla loro invasione di terra a Gaza e hanno aumentato le armi e le truppe nelle regioni del Medio Oriente e del Mediterraneo orientale. Ciò ha comportato la spedizione di jeep blindate e di armi avanzate a Israele.

Alcuni filmati circolati online hanno mostrato l'uso di armi di fabbricazione statunitense contenenti fosforo bianco nell'assalto di Israele a Gaza. Questi proiettili d'artiglieria sono stati realizzati dal Pine Bluff Arsenal, un produttore di armi chimiche con sede in Arkansas noto per la fornitura di munizioni al fosforo bianco.

"La maggioranza del mondo si oppone a questo attacco a Gaza", ha detto Buttu. "Ma l'Europa occidentale, gli Stati Uniti e il Canada non sono d'accordo".

Buttu ha descritto gli Stati Uniti come "totalmente complici" nello sfollamento dei palestinesi a Gaza da parte di Israele, dicendo: "Questo è un piano israeliano che sarà approvato dagli americani, dai canadesi, dall'Europa e così via".

I documenti politici israeliani che promuovono la pulizia etnica di Gaza rispecchiano semplicemente ciò che molti politici e media israeliani hanno espresso fin dall'inizio di questa guerra.

Un membro del parlamento israeliano, Ariel Kallner, ha chiesto di ripetere la pulizia etnica dei palestinesi durante la creazione dello Stato di Israele nel 1948, nota come Nakba o "catastrofe" in arabo, ma su scala molto più ampia.

"In questo momento, un solo obiettivo: la Nakba! Una Nakba che oscuri la Nakba del 1948", ha scritto Kallner su X.

Dror Eydar, ex ambasciatore di Israele in Italia, ha invocato la completa distruzione di Gaza durante un'intervista in diretta con il canale italiano Rete 4.

"Per noi c'è uno scopo: distruggere Gaza, distruggere il male assoluto", ha affermato.

Mentre Israele continua a bombardare Gaza a tappeto e mentre persino un briciolo di aiuti umanitari fatica ad arrivare nell'enclave assediata, un'altra Nakba - o probabilmente solo un altro capitolo di questa serie di genocidi - si sta rapidamente compiendo.

"Questa è solo una continuazione dal '48", ha detto Buttu. "È solo un lento stillicidio per far sì che le persone se ne vadano e, in alcuni casi, non un lento stillicidio, ma addirittura uno più veloce".

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Jessica Buxbaum è una giornalista di MintPress News, basata a Gerusalemme, che si occupa di Palestina, Israele e Siria. Il suo lavoro è stato pubblicato su Middle East Eye, The New Arab e Gulf News.

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti