La risposta di Maduro alle ingerenze dell'Unione Europea

La risposta di Maduro alle ingerenze dell'Unione Europea

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo del Venezuela è stato praticamente costretto ad espellere l’ambasciatrice dell’Unione Europea a Caracas, Isabel Brilhante Pedrosa, alla luce delle continue e ripetute «aggressioni» del blocco contro la Repubblica Bolivariana. 

Il presidente venezuelano ha sottolineato che l'espulsione dell'ambasciatrice è solo una risposta di Caracas agli attacchi ricevuti dal blocco europeo. E ha aggiunto: «Non avremmo voluto farlo, lo facciamo anche contro la nostra volontà. Vogliamo avere i migliori rapporti con l'intera Europa, ma non possiamo accettare che nessuno venga ad offendere il Venezuela». 

Maduro si è inoltre rammaricato per «l’attacco di follia» da parte dell'Ue, riguardo alle recenti misure coercitive applicate dal blocco ai funzionari venezuelani per aver partecipato alle elezioni parlamentari del 6 dicembre: «Hanno anche sanzionato i deputati dell'opposizione». 

Per questo motivo, ha insistito sul fatto che l'UE è la benvenuta «ma solo se rispetta il Venezuela, la democrazia, le istituzioni», altrimenti ci saranno misure reciproche di ostilità. «SI mettono contro un intero paese e cosa si aspettano? Che restiamo a guardare? Che li ringraziamo per averci attaccato?».

In precedenza, l'UE ha chiesto al governo Maduro di annullare l'espulsione dell'ambasciatrice del blocco in Venezuela e ha avvertito che non farlo «isolerà» ulteriormente il paese a livello internazionale.

Il blocco ha assicurato attraverso una dichiarazione di essere «pienamente impegnato» nel dialogo e nei processi di negoziazione in Venezuela, ma ritiene che il provvedimento di espulsione «compromette» la loro posizione.

Dal 2017, l'UE ha imposto sanzioni contro il Venezuela, che sono state prorogate per un altro anno nel 2020. Finora, 55 funzionari e politici venezuelani hanno subito misure coercitive, tra cui la vicepresidente Delcy Rodríguez.

Forse l’UE è rimasta spiazzata dalla reazione venezuelana perché non abituata ad avere a che fare con governi sovrani come quello del Venezuela?

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest? di Francesco Santoianni Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia di Marinella Mondaini Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia di Antonio Di Siena Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti