La Russia pronta ad aiutare la Turchia a sviluppare un caccia di quinta generazione

La Russia pronta ad aiutare la Turchia a sviluppare un caccia di quinta generazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La notizia non è certo nuova, ma trova ulteriore conferma: la Russia potrebbe aiutare la Turchia nello sviluppo di un proprio caccia di quinta generazione. Ankara dopo l’acquisto dei sistemi russi S-400 è stata definitivamente esclusa dagli Stati Uniti dal programma F-35 e quindi adesso per rinnovare e rinforza la propria flotta cerca alternative. Da qui nasce anche l’idea dello sviluppo di un proprio caccia nazionale di quinta generazione. 

La Russia, secondo quanto riferisce il direttore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare Dmitry Shugayev a Sputnik, ha ribadito la propria disponibilità a fornire assistenza ad Ankara. 

"La Russia ha ripetutamente espresso la disponibilità a fornire assistenza alla Repubblica di Turchia, e ora stiamo negoziando questo progetto", ha detto Shugayev durante l'Airshow di Dubai.

Ad ottobre Ankara ha affermato che gli Stati Uniti hanno offerto alla Turchia l'acquisto di caccia F-16 dopo essere stati esclusi dal programma sugli F-35. Tuttavia permangono delle opposizioni all’interno della politica statunitense anche verso questa soluzione. 

Ad aprile gli Stati Uniti avrebbero inviato una notifica ufficiale alla Turchia sulla sua esclusione dal programma di produzione degli ultimi caccia F-35 a seguito dell'acquisto da parte di Ankara del sistema di difesa aerea russo S-400.

Alexander Mikheev, il direttore generale dell'agenzia federale russa per l'export di armi Rosoboronexport, ha affermato che Russia e Turchia devono ancora firmare il contratto per le forniture della seconda divisione dei sistemi missilistici terra-aria S-400 Triumf, ciononostante la cooperazione dell'industria della difesa con Ankara va avanti. 

Ha inoltre osservato che Rosoboronexport ha implementato il primo contratto per le forniture degli S-400 senza alcuna lamentela da parte della Turchia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia