/ La Russia si prepara per il 'divorzio' energetico dall'Europa

La Russia si prepara per il 'divorzio' energetico dall'Europa

 
La Russia, il più grande fornitore di gas del mondo, si sta preparando per un 'divorzio' energetico dalll'Europa, stando alla nuova strategia dell'Agenzia federale per la gestione delle risorse naturali.


"Il cambiamento di fornitori e consumatori di risorse minerarie è spesso dovuto a fattori puramente politici. La crisi nelle relazioni tra la Russia e l' Occidente ha già portato ad una riduzione delle esportazioni di gas russo verso l'UE e l'Ucraina. I fatti degli ultimi anni non lasciano dubbi sul fatto che il calo della domanda di gas russo da parte dei partner occidentali non è un problema locale, ma una tendenza a lungo termine che avrà un impatto diretto sulla gestione delle materie prime e sulla politica commerciale della Russia nei decenni a venire", si legge nella bozza della nuova strategia di gestione delle risorse minerarie nel paese fino al 2030.

Uno dei problemi principali per la Russia è il gas naturale liquefatto,  la cui domanda è cresciuta nel mercato europeo.

"La significativa riduzione del costo di liquefazione del gas naturale distrugge il monopolio dei sistemi di tubazioni per il trasporto di gas ai consumatori. Di conseguenza, invece di diversi mercati regionali con condizioni e prezzi specifici, vi è ora un unico mercato mondiale del gas naturale ", dice il documento.

Secondo questa prospettiva, il problema dovrebbe essere risolto con un aumento dell'800-900% delle esportazioni di gas verso la regione Asia-Pacifico. Per fare questo, la Russia dovrebbe aumentare la produzione annua di gas naturale per 800.000 milioni di metri cubi all'anno e cinque volte la produzione di gas liquefatto.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa