L'appello del vescovo di Oslo per il boicottaggio di Israele

L'appello del vescovo di Oslo per il boicottaggio di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'appello del vescovo di Oslo Kari Veiteberg alla resistenza non violenta a quella che lei ha definito come l'occupazione della Palestina ha scatenato contro le solite accuse di antisemitismo.

Il vescovo di Oslo Kari Veiteberg, alcuni giorni fa, ha acceso un dibattito chiedendo il boicottaggio di Israele su Facebook per la recente ondata di violenza che ha colpito il Medio Oriente.

Ha citato il profeta Isaia ("Batteranno le loro spade in vomeri e le loro lance in uncini da potatura. La nazione non impugnerà la spada contro la nazione, né si addestreranno più per la guerra") e ha suggerito che boicottare Israele è il miglior mezzo per la resistenza non violenta.

“Abbiamo sia un obbligo morale che un obbligo ai sensi del diritto internazionale di non sostenere finanziariamente l'occupazione della Palestina. Esortiamo le chiese in Norvegia a sostenere il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) come soluzioni per una pace duratura e giusta", ha scritto Veiteberg , condividendo un'immagine originariamente pubblicata dalla YMCA-YWCA (Young Men's Christian Organization and Young Women's Christian Organization) , che sostiene un ampio boicottaggio economico di Israele.

La posizione di Veiteberg ha suscitato forti reazioni, comprese quelle consuete di antisemitismo.

“Non credo che il vescovo di Oslo Kari Veiteberg appartenga alla Chiesa di Norvegia. Credere che dovremmo boicottare lo stato di Israele, è ovviamente antisemita. La sinistra ha chiesto il boicottaggio di quelli che credono siano territori occupati, ma Veiteberg crede che l'intero stato sia illegittimo”, ha dichiarato al quotidiano Dagbladet Christian Tybring-Gjedde, fra i massimi esponente dei nazional-conservatori del Partito del progresso e parlamentare di Oslo .

Tybring-Gjedde ha sostenuto che le opinioni di Kari Veiteberg sono incompatibili con la sua posizione di vescovo.

“Penso che dovrebbe essere un'attivista politica di sinistra piuttosto che un vescovo. Io stesso non vado più in chiesa. Ricevi solo ammonimenti su quanta pietà ci sia per le altre persone e che dovremmo vergognarci. <...> È una grande provocazione quello che sta facendo, che è lontano dal punto di vista dei membri della chies ", ha spiegato Tybring-Gjedde.

Nel 2015, l'attuale ministro del petrolio e dell'energia Tina Bru si è dimesso dalla Chiesa di Norvegia per protesta dopo che i vescovi Tor B. Jørgensen e Olav Øygard avevano sostenuto che la Norvegia dovrebbe rallentare la produzione di petrolio.

Christian Tybring-Gjedde ha sostenuto, al contrario, che sono i vescovi a dover rinunciare.

“La proposta di Kari Veiteberg mi spaventa, non ha niente a che fare nella Chiesa di Norvegia. È un colpo di stato all'interno della chiesa di Oslo e ci sono molte arene in cui può essere un'attivista di sinistra. La chiesa dovrebbe essere un posto dove non dovresti avere una cattiva coscienza ", ha detto Tybring-Gjedde.

Rivolgendosi alle critiche di Tybring-Gjedde, Preses Olav Fykse Tveit, il primo tra pari all'interno della Chiesa di Norvegia, ha sottolineato che in collaborazione con altre chiese in tutto il mondo da molti anni ha lavorato per la giustizia e la pace in Israele e Palestina .

“La Chiesa di Norvegia, insieme a queste chiese, ha chiesto il boicottaggio delle merci dai territori occupati, che secondo il diritto internazionale sono state prodotte e vendute illegalmente. Il vescovo di Oslo, la Conferenza episcopale ed i vescovi sono impegnati sulla base della missione della chiesa in importanti questioni sociali per la pace e la giustizia nel mondo ", ha sottolineato Fykse Tveit.

L'YMCA-YWCA riconosce sul proprio sito web di riconoscere Israele come uno stato legittimo in conformità con il diritto internazionale. Secondo l'organizzazione, la posizione sull'avere un ampio boicottaggio economico di beni e servizi che contribuiscono all'occupazione della Palestina è pienamente compatibile con questo riconoscimento.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia