Lavrov: con il ritiro, Usa ammettono sconfitta e fallimento in Afghanistan

Lavrov: con il ritiro, Usa ammettono sconfitta e fallimento in Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ritirando le sue truppe dall'Afghanistan, gli Stati Uniti hanno ammesso che la loro operazione nel paese è fallita. E' quanto afferma il ministro degli Esteri russo, che ha anche accusato Washington di complicare ulteriormente la situazione a Kabul.

Parlando oggi alla Far Eastern Federal University di Vladivostok, Sergey Lavrov ha affermato che la rimozione dei soldati americani significa che Washington ha ammesso la sconfitta.

"Gli Stati Uniti non stanno solo ritirando le loro truppe dall'Afghanistan", ha affermato il ministro degli Esteri. “Li stanno ritirando, di fatto hanno riconosciuto il fallimento della loro missione”.

Ha anche notato che il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan ha causato ulteriori complicazioni a causa della mancanza di volontà politica nel paese per un governo di transizione. 

"Purtroppo, i leader di Kabul non sono molto disposti a organizzare qualcosa di transitorio", ha detto. "Si scopre che sia loro che gli americani stanno lasciando che l'intera situazione venga risolta con la forza".

All'inizio di questa settimana, il comando centrale degli Stati Uniti ha dichiarato che il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan è completo al 90%.

 Come parte della vasta operazione, i militari hanno affermato di aver trasportato quasi 1.000 carichi di materiale non specificato fuori dal paese.

Molte delle aree un tempo occupate dalle forze americane sono ora sotto il controllo dei talebani.

Mentre il gruppo ha ottenuto significativi guadagni territoriali nel nord del paese, sono sorti problemi al confine con il Tagikistan. Le truppe afghane hanno dovuto ritirarsi nel territorio del Tagikistan diverse volte nelle ultime due settimane. La Russia si è impegnata a difendere il Tagikistan, suo alleato come parte dell'Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO), contro qualsiasi potenziale conflitto con i talebani.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti