Lavrov: Mosca non permetterà all'Occidente di "far saltare in aria" nuovamente i gasdotti russi

Lavrov: Mosca non permetterà all'Occidente di "far saltare in aria" nuovamente i gasdotti russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato durante la conferenza stampa del Raisina Dialogue che Mosca non permetterà all'Occidente di "far saltare in aria" nuovamente i gasdotti russi.

Il capo della diplomazia russa ha annunciato che il suo paese si affiderà a "partner affidabili" nella politica energetica, tra i quali Cina e India, ma non l'Occidente. "Non ci fideremo più di nessun 'partner' occidentale, non permetteremo che i gasdotti vengano nuovamente fatti saltare in aria", ha avvertito.

"Abbiamo chiesto di svolgere un'indagine [sulle esplosioni dei gasdotti Nord Stream], e subito tale indagine è stata respinta", ha denunciato. Secondo l'alto diplomatico, "tutto ciò che sta accadendo ora è quello di rendere l'Europa un attore minore per gli Stati Uniti, eliminare il vantaggio competitivo dell'Europa e tagliare il legame economico tra la Russia e l'UE ".

Tra l'altro, il cancelliere russo ha sottolineato che Washington ritiene di "avere il diritto di dichiarare qualsiasi luogo del mondo come una minaccia ai propri interessi nazionali, come in Jugoslavia, in Libia o in Iraq, in Siria, a 10.000 miglia dall'Oceano Atlantico".

Inoltre, ha ricordato che la Russia ha avvertito per più di dieci anni che le azioni dell'Occidente "avrebbero avuto conseguenze molto negative", sottolineando che gli eventi "non si svolgono dall'altra parte dell'oceano", ma vicino i suoi confini, "nei territori in cui i russi hanno vissuto per secoli". "Se non è un doppio standard, allora non sono ministro degli Esteri", ha commentato.

Ha anche indicato che in Ucraina è in corso una "guerra contro tutto ciò che è russo”. "Riuscite a immaginare, ad esempio, l'Irlanda che vieta l'inglese, o il Belgio che vieta il francese, o la Svizzera che vieta il tedesco, o la Finlandia che vieta lo svedese? [...] Certo che no", ha detto, aggiungendo che la lingua russa "è stata completamente cancellata" in Ucraina.

In questo contesto, ha criticato il fatto che né le azioni dell'Occidente né "la guerra contro tutto ciò che è russo" in Ucraina siano mai state discusse alla conferenza. "Hanno chiesto agli Stati Uniti, alla NATO, se sanno cosa stanno facendo?", aggiungendo che non ricorda se "la conferenza fosse incentrata su questi temi".

Lavrov ha anche citato dichiarazioni di funzionari occidentali secondo cui il conflitto in Ucraina è "una minaccia esistenziale". "Se l'Occidente lo vede come una minaccia esistenziale, lo facciamo anche noi ", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti