/ L'enorme flotta petrolifera iraniana si dirige verso la Cina prim...

L'enorme flotta petrolifera iraniana si dirige verso la Cina prima che le sanzioni USA entrino in vigore

 

Un volume senza precedenti di petrolio greggio iraniano arriverà nel porto di Dalian a nord-est della Cina, entro l'inizio di novembre prima che le sanzioni statunitensi contro l'Iran diventino effettive.


Più di 20 milioni di barili di petrolio sono stati spediti a Dalian dalla National Iranian Tanker Company (NITC), riporta l'agenzia Reuters, citando una fonte di spedizione iraniana senza specificare il nome.
 
"Come hanno detto i nostri leader, sarà impossibile fermare la vendita del petrolio dell'Iran ", ha dichiarato la fonte, aggiungendo: "Abbiamo diversi modi di vendere il nostro petrolio e quando le petroliere raggiungeranno Dalian, decideremo se venderlo a altri acquirenti o in Cina. "
 
Dalian riceve tipicamente tra un milione e tre milioni di barili di petrolio iraniano ogni mese, secondo le statistiche. Il porto ha alcune delle più grandi raffinerie e depositi commerciali di petrolio in Cina.
 
Terzo produttore dell'OPEC, l'Iran sta trovando meno acquirenti per il suo greggio prima delle sanzioni sulle sue esportazioni di petrolio che entreranno in vigore il prossimo 4 novembre.
 
La Repubblica islamica ha precedentemente immagazzinato petrolio a Dalian durante l'ultimo round di sanzioni nel 2014.
Il petrolio è stato successivamente venduto agli acquirenti in Corea del Sud e India.
 
All'inizio di questa settimana, il primo vicepresidente dell'Iran, Eshaq Jahangiri, ha affermato che il paese è pronto a contrastare le sanzioni statunitensi e ha già trovato nuovi partner per acquistare il petrolio.
 
Le esportazioni di petrolio greggio iraniano sono state messe a repentaglio da quando la Casa Bianca ha annunciato che sta imponendo sanzioni unilaterali contro la Repubblica islamica. A maggio, il presidente statunitense Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall'accordo nucleare del 2015 tra Teheran e una vasta alleanza di potenze mondiali.
 
Washington ha anche minacciato sanzioni secondarie in qualsiasi paese o azienda che intrattiene transazioni con l'Iran.
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa