/ L'eredità della Rivoluzione d'Ottobre permane nonostante la disso...

L'eredità della Rivoluzione d'Ottobre permane nonostante la dissoluzione dell'Unione Sovietica

 

Dopo più di 20 anni dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova era, segno dello spirito permanente della Rivoluzione d'Ottobre



da Global Times
 

Martedì segna il centenario della Rivoluzione d’Ottobre. Il giorno speciale ricorda al popolo come questo grande evento che ha avuto luogo 100 anni fa abbia avuto ripercussioni sul mondo intero.

 

La Rivoluzione d’Ottobre ha cambiato il mondo in modo profondo. Ha portato la teoria del marxismo-leninismo in Cina, facendo sì che un terzo della popolazione mondiale vivesse sotto il socialismo per qualche tempo. Poiché la rivoluzione è spesso valutata in connessione con l'Unione Sovietica, la sua valutazione diventa molto complicata con i numerosi fattori politici coinvolti.

 

Anche se oggi non è facile valutare oggettivamente la Rivoluzione d'ottobre, non si può trascurare un certo numero di fatti.

 

In primo luogo, la Rivoluzione d’Ottobre si è svolta in un paese meno sviluppato rispetto all’Europa, ma ha segnato uno spartiacque che ha portato a una serie di cambiamenti in tutto il mondo. 

 

In secondo luogo, la Rivoluzione d'Ottobre diede vita alla prima nazione socialista guidata dal marxismo, una novità all'epoca. In tempi oscuri, quando il capitalismo diviene imperialismo, l'Unione Sovietica ha offerto una scelta politica rivoluzionaria. Attraverso alti e bassi ha prodotto incredibili risultati. Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica ha trasformato una Russia arretrata in un potenza mondiale moderna che ha contribuito in maniera decisiva alla sconfitta dell'Asse Roma-Berlino-Tokyo nella Seconda Guerra Mondiale e ha promosso lo sviluppo tecnologico.

 

In terzo luogo, l'Unione Sovietica è stata sfiancata dalla Guerra Fredda. Mentre la sua governance andava in sofferenza, i Bolscevichi cominciarono a vacillare nella loro fede. Guardando indietro, le difficoltà dell'Unione Sovietica allora non erano fondamentali e potevano essere risolte con le riforme. Ma ha scelto di rinunciare all'infinito. Un paese così grande sapeva solo da dove proveniva, ma non sapeva dove andare. La confusione politica e l'indebolimento della leadership del partito hanno poi portato al crollo dell'Unione Sovietica.

 

Quarto, sebbene l'esperimento socialista dell'Unione Sovietica sia fallito, la sua eredità politica ha pervaso il mondo intero. Negli scontri con l'Unione Sovietica, l'Occidente era costretto ad assimilare alcuni concetti socialisti come il rispetto dei lavoratori. Il senso della crisi ha spinto i capitalisti occidentali a reprimersi e migliorare il welfare del lavoro.

 

Quinto, il pensiero socialista non nasce in Russia, ma è ricchezza spirituale creata dall'umanità. La dissoluzione dell'Unione Sovietica non significava che gli ideali socialisti fossero svaniti. Dopo più di 20 anni dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova era, segno dello spirito permanente della Rivoluzione d'Ottobre.

 

Negli ultimi 100 anni dalla Rivoluzione di Ottobre, il mondo ha vissuto alti e bassi. La civiltà umana si trova ad un elevato stadio di maturità. Per la maggior parte del tempo nel XX secolo, il confronto è stato ovunque e la concorrenza internazionale è stata cruciale. Abbiamo capito che è necessario evitare un confronto estremo. Con le lezioni di due guerre mondiali e la guerra fredda, ovviamente il rapporto tra i principali paesi oggi è più razionale di quello tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica in passato.

 

Il socialismo con caratteristiche cinesi può essere chiamato socialismo 2.0. Dopo che il marxismo-leninismo giunse in Cina, fu sinizzato, poi modernizzato e accostato sempre più alla realtà della Cina così come al mondo che cambia.

 

Il tentativo dei media occidentali di valutare la Rivoluzione d’Ottobre non ha portato a risultati equilibrati. La Storia racconterà una storia più credibile rispetto all'opinione occidentale. La storia ci dice che la soggettività si consuma e che i fatti resteranno.

 

(Traduzione dall’inglese de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa