/ Lilli Gruber e la "post verita'", per attaccare le "bufale sul we...

Lilli Gruber e la "post verita'", per attaccare le "bufale sul web"... sintetizza alla perfezione il suo lavoro

 

"Da tempo nelle società liquide assistiamo a una crescente distanza tra la realtà e l’informazione che consumiamo. Un’informazione che, sempre meno ancorata a fatti verificati, lascia il posto a percezioni ed emozioni. Così è facile invitare l’elettore a votare con la pancia". A dichiararlo in un'intervista a Sette del Corriere della Sera è Lilli Gruber. Volendo intervenire nel dibattito sulla cosidetta "post verità" - che sta portanto importanti autorità italiane come Laura Boldrini, il ministro della giustizia Orlando e il presidente dell'AntiTrust Petruzzelli a chiedere di fatto la censura della rete - la Gruber ha di fatto sintetizzato alla perfezione il suo lavoro degli ultimi anni al Tg 1, prima, e a Otto e Mezzo poi.

P.s. Nel resto dell'intervista la giornalista parla di globalizzazione, Trump, Brexit, populismi e Putin con la sagacia di chi si può permettere una chiosa di questo tipo: "Nel 2016 abbiamo sconfitto l'Isis. Diciamo  che quando la comunità internazionale ha deciso che andava combattuto, così è stato. Ma il brand, il marchio Isis non è morto". Ma, cara Gruber, abbiamo chi?

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa