L'Iran dice addio al presidente Ebrahim Raisi

L'Iran dice addio al presidente Ebrahim Raisi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Questa mattina sono iniziati i funerali del presidente iraniano Ebrahim Raisi e della sua delegazione compagni, morti domenica scorsa in seguito allo schianto dell'elicottero su cui viaggiavano vicino al confine con l'Azerbaigian.

Con Raisi c'erano il ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian ; l'Ayatollah Al Hashem; il governatore della provincia iraniana dell'Azerbaigian orientale, Malek Rahmati; due dipendenti dell'organismo di tutela del presidente, un pilota, un copilota e un responsabile tecnico.

Cerimonie di addio

Secondo l’agenzia di stampa IRNA, prima dei funerali, alle 9:30 (ora locale) si terrà una cerimonia di addio nella città di Tabriz.

Lo stesso giorno, le salme saranno trasferite nella città santa di Qom, dove avrà luogo un'altra cerimonia funebre, alla quale seguirà un'altra a Teheran.

Giovedì il corpo di Raisi sarà trasferito a Biryand e poi nella sua città natale, Mashhad , situata nel nord-ovest del Paese, mentre le altre vittime saranno sepolte a Tabriz. Nello stesso giorno, a mezzogiorno, si svolgeranno i funerali di Raisi. 

L’Iran “ha perso un servitore sincero e prezioso”

Dopo la morte del presidente, la guida suprema dell'Iran, l'Ayatollah Ali Hosseini Khamenei, ha annunciato cinque giorni di lutto nazionale ed ha espresso le sue condoglianze, sottolineando che nel "tragico incidente, la nazione iraniana ha perso un servitore sincero e prezioso".

Da parte sua, il governo iraniano ha definito Raisi come "un presidente laborioso e instancabile" che ha dedicato la sua vita a "servire il grande popolo iraniano sulla via dell'avanzamento e del progresso del Paese". In questo senso, ha sottolineato che il presidente “ha mantenuto la sua promessa e ha sacrificato la sua vita per la nazione”.

In precedenza, era stato riferito che l'elicottero su cui volava Raisi aveva effettuato un atterraggio forzato a causa della fitta nebbia. L'aereo faceva parte di un convoglio presidenziale composto da tre elicotteri. Gli altri due, che trasportavano ministri e altri funzionari, arrivarono a destinazione senza incidenti.

L'aereo si è schiantato vicino al villaggio di Uzi, nelle foreste di Arasbaran. Sul posto sono intervenute numerose squadre di soccorso per le operazioni di ricerca. Il difficile accesso alla zona dell'incidente e le avverse condizioni meteorologiche hanno ostacolato il lavoro dei soccorritori.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti