L'Iran può tracciare i caccia F-35 con radar russi avanzati e possiede missili per abbatterli

L'Iran può tracciare i caccia F-35 con radar russi avanzati e possiede missili per abbatterli

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tempi duri per i caccia F-35. Il caccia fiore all’occhiello degli Stati Uniti pare proprio che abbia perso la tanto sbandierata invisibilità. Ossia la tecnologia stealth che li rendeva temibili per ogni potenziale nemico. 

 

Un radar tedesco è riuscito a tracciarne il volo, anche l’Iran pare possa farlo grazie a dei radar di fabbricazione russa. 

 

Esperti in Iran affermano che la Repubblica islamica ha trovato un mezzo per rintracciare i caccia F-35 stealth '' invisibili '' statunitensi che vagano nei cieli vicino ai loro confini, con l'aiuto dei radar Rezonans-NE di fabbricazione russa, che avevano precedentemente acquisito da Mosca per migliorare le loro capacità difensive.

 

Il vicedirettore del Centro di ricerca Rezonans, Alexander Stuchilin, parlando all'International Military-Technical Forum Army-2020, ha affermato che il radar è stato effettivamente efficace nel tracciare i caccia d'élite degli Stati Uniti. "All'inizio del 2020 questo radar ha identificato gli aerei F-35 statunitensi e li ha tracciati", ha detto Stuchilin.

 

Il personale del radar ha trasmesso informazioni, comprese le rotte dei voli F-35, in modo chiaro, confermando così che stava monitorando in modo affidabile gli aerei. Per questo motivo, l'avversario non ha commesso azioni irreparabili che avrebbero potuto causare una grande guerra, scrive The EurAsian Times. 

 

Nel corso degli anni, la Russia ha escogitato strategicamente mezzi per esportare la sua tecnologia di difesa ai suoi clienti: Iran e Cina. E, con il dispiegamento di Rezonans-NE specializzato nell'identificazione e nel monitoraggio di velivoli stealth e obiettivi ipersonici, Vladimir Putin ha dotato Teheran di sistemi di difesa in grado di scoraggiare gli aerei da guerra statunitensi e israeliani.

 

Gli F-35 americani sono progettati in modo complesso per utilizzare la tecnologia invisibile come vernice, materiali che assorbono i radar e le linee angolari della sua fusoliera, che consente loro di ridurre le firme di calore e le emissioni elettromagnetiche per eludere i sistemi radar. Tuttavia, i radar VHF come il Rezonans-NE possiedono la capacità di rilevarli.

 

Un altro pericoloso sistema di difesa che l'Iran ha tra le sue fila sono i missili terra-aria Khordad 15 che, secondo quanto riferito, sono in grado di rilevare jet da combattimento e droni da combattimento a 150 chilometri di distanza e di seguirli entro un raggio di 120 chilometri.

 

Secondo il ministro della Difesa iraniano, il generale di brigata Amir Hatami, i sistemi di difesa possono anche rilevare obiettivi invisibili a una distanza di 85 chilometri e ingaggiarli e distruggerli entro un raggio di 45 chilometri.

 

Hatami ha anche affermato che i missili Sayyad 3 di Khordad 15 possono rilevare, intercettare e distruggere sei bersagli contemporaneamente.

 

La scorsa settimana, gli Stati Uniti sono rimasti imbarazzati quando la loro proposta di estendere indefinitamente l'embargo globale sulle armi contro l'Iran è stata respinta. La Russia e la Cina si sono fortemente opposte alla proroga del divieto di 13 anni che scadrà il 18 ottobre nell'ambito di un accordo nucleare del 2015 firmato tra l'Iran e sei potenze mondiali.

 

Si ipotizza anche che una volta rimosso l'embargo iraniano, la Russia potrebbe armare l'Iran con i suoi missili terra-aria S-400, che potrebbero cambiare completamente le dinamiche nel Medio Oriente. 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti