/ L'Italia deve fare come la Cina: investire in istruzione e infras...

L'Italia deve fare come la Cina: investire in istruzione e infrastrutture

 


di Pasquale Cicalese
 

Oggi ho letto sul ‘Sole 24 ORE’ un pezzo di un accademico di Padova e di Prometeia stupefatto dalla capacità tecnologica cinese. 

 

Ora dico la mia. 

 

Alle aziende di costruzioni e industriali gli devi garantire commesse, ai ristoratori clienti, agli albergatori turisti, agli agricoltori sbocchi di mercato. 

 

No finanziamenti a fondo perduto come succede da 26 anni per cifre sbalorditive. Per fare questo devi avere strade, ferrovie, aeroporti moderni ed efficienti, una scuola all'avanguardia e diplomazia economica. 

 

I cinesi fanno questo e per farlo si servono del ruolo pubblico.

Non hanno inventato niente. Noi l’abbiamo fatto per 50 anni. 

 

La gente vuole semplicemente fare affari e stare bene, con una tassazione giusta. 

 

Ma i politici, gli accademici e quelli della finanza e di confindustria vanno mai nei bar popolari? La gente vuole stare bene, questo vuole.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa