L'Analisi/Lo scrittore Paul Street: "Kamala Harris non è una "radicale di s...

Lo scrittore Paul Street: "Kamala Harris non è una "radicale di sinistra" o una "marxista". Vorrei che lo fosse"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Di Paul Street*
 
Pochi istanti dopo che Joe Biden annunciava Kamala Harris come sua compagna di corsa, la campagna di Trump e la macchina di propaganda di destra americana hanno iniziato a ritrarre la senatrice della California come una "radicale di estrema sinistra" di tipo "marxista".
 
Non c'è niente di sbagliato nell'essere di sinistra (lo sono io), ma l'accusa (potrei dire un complimento) è ridicola e immeritata. Harris è stata a lungo saldamente alloggiata nell'ala destra del Partito Democratico, che l'ex stratega di Richard Nixon, Kevin Phillips, ha accuratamente descritto come "il secondo partito capitalista più entusiasta della storia".
 
In qualità di pubblico ministero della Bay Area (1990-2003) e Procuratore generale della California (2003-2016), Harris, sostenuto da Big Business, si è guadagnata la reputazione di amica della polizia e agente di incarcerazioni di massa senza distinzioni etniche. Si vantava dei suoi alti tassi di condanna per crimini, ottenuti con significative violazioni dei diritti degli imputati. Ha respinto qualsiasi tentativo di cambiare il feroce sistema carcerario della California, istituire una riforma della giustizia penale e abolire la pena di morte.
 
Ha anche resistito a un ordine del tribunale di rilasciare detenuti a basso rischio sostenendo che avrebbero potuto costare alla California un'importante fonte di manodopera a basso costo da utilizzare, a rischio per le loro vite, per combattere gli incendi per $ 2 al giorno.
Non era certo il "procuratore progressista" che affermava di essere stata quando ha annunciato la sua candidatura presidenziale nel 2019.
 
Chiunque pensi che "Copmala" Harris fosse una "progressista" della giustizia penale dovrebbe guardare un breve discorso in stile TED che ha tenuto a favore dell'incarcerazione di massa razzista alla conferenza della Chicago Ideas Week nel 2015. Bisogna davvero prendere in considerazione la sua voce derisoria e il linguaggio del corpo mentre si lanciava in un attacco sprezzante contro l'appello apparentemente ingenuo dei riformatori di spostare il denaro dei contribuenti dalla prigionia di massa all'istruzione:"Abbiamo tutti questi poster [postura sarcastica] nel nostro armadio [sguardo addolorato sul viso] che sono attaccati a un bastone che a volte tiriamo fuori quando parliamo di giustizia penale ... e corriamo in giro con questi segni [ faccia sprezzante] ... 'Costruisci più scuole, meno carceri! Costruisci più scuole, meno prigioni! ' E andiamo in giro ovunque - "Costruisci più scuole!" Protestiamo [faccina beffarda, mano che finge di reggere un cartello] ... "Metti i soldi nell'istruzione, non nelle prigioni!" [voce stridula e beffarda]. C'è un problema fondamentale con questo approccio, secondo me. Ed è questo: ... Non hai affrontato il motivo per cui ho tre lucchetti sulla mia porta di casa. ”
 
Il procuratore generale Harris e il suo marito bianco multimilionario avevano "tre lucchetti sulla [loro] porta di casa" perché il governo di classe e il sistema di oppressione razziale che ha trascorso la sua vita adulta servendo e proteggendo avevano raggiunto livelli così sbalorditivi di disuguaglianza selvaggia che il decimo l'uno per cento degli americani possedeva la stessa ricchezza messa insieme del 90 per cento più povero della nazione, mentre il divario di ricchezza medio -nero della famiglia aveva raggiunto i sei centesimi neri sul dollaro bianco. Queste disparità sono state solo aggravate dal gigantesco regime razzista di arresti di massa e incarcerazione che lei e il suo futuro compagno di corsa presidenziale Joe ‘Three Strikes’ Biden  hanno fatto così tanto per far avanzare.
 
Durante il suo brevissimo periodo (2017-oggi) nel Senato degli Stati Uniti controllato dai repubblicani, Harris ha cercato di sviluppare un personaggio progressista parlando a nome di cause liberali come la riforma dell'immigrazione, la legalizzazione della marijuana e l'aumento della paga per gli insegnanti. Ha ottenuto più punti con i liberali interrogando in modo aggressivo il candidato di Trump alla Corte Suprema di destra Brett Kavanaugh.
 
Nella sua disastrosa e prematuramente conclusa campagna presidenziale, Harris ha goffamente cercato di giocare al grande gioco della politica americana - "la manipolazione del populismo da parte dell'elitarismo" ( Christopher Hitchens ) - presentandosi in maniera non autentica come una candidata del "popolo". Ha accolto brevemente la richiesta di Bernie Sanders di "Medicare for All", ma poi ha deciso di rinunciare all'assicurazione sanitaria privata a favore di un sistema finanziato dal governo federale. Ha promesso di proteggere i destinatari di Deferred Action for Childhood Arrivals dalla deportazione e si è opposta al muro di confine di Trump con il Messico, ma, a quanto pare, non è riuscita a votarecontro la rete di campi di detenzione di immigrati di Trump lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. Appoggia un aumento del salario minimo federale a $ 15 l'ora, ma non dice nulla su come un tale aumento lascerebbe milioni di lavoratori poveri mentre non hanno diritto a buoni pasto, sussidi per la casa e Medicaid.
 
Harris è stato anche una grande attrice nella campagna del Russiagate dei Democratici, chiedendo l'impeachment di Trump, non per le sue agghiaccianti violazioni della Costituzione degli Stati Uniti o per la sua persecuzione degli immigrati, ma per essere un presunto "tirapiedi" russo. Questo le ha fatto guadagnare punti dall'establishment della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.
 
La candidata alla vicepresidenza Harris non chiederà un vero Green New Deal, una tassazione veramente progressiva o un'assicurazione sanitaria a pagamento unico (Medicare for All), che l'arcocorporatista Biden dice che avrebbe posto il veto - questo, anche se il singolo pagatore è sostenuto da sette americani su 10 . Biden l'ha scelta perché sarà al sicuro a bordo dell'agenda aziendale mentre la sua ingannevole pretesa progressiva e la sua identità non bianca e femminile nascondono la sua lealtà a un sistema americano gestito da e per l'establishment aziendale, finanziario e imperiale per lo più bianco.  
 
È un vecchio gioco della politica americana: i democratici che si atteggiano a populisti e progressisti quando sono di proprietà della classe dirigente imperiale della nazione. 
 
Anche i repubblicani stanno giocando a un vecchio gioco: etichettare assurdamente i democratici corporativi e imperiali "totalitari", "radicali di sinistra", "marxisti", "socialisti" e "comunisti". Dal New Deal (1932-1940) in poi, nessun presidente democratico o concorrente presidenziale (non importa quanto militantemente corporativo, imperiale e anticomunista / socialista), è sfuggito a questa accusa "in stile paranoico" della destra americana . (Il profondamente conservatore Barack Obama è stato ridicolmente descritto come un "socialista", un "marxista" e persino un "marxista-leninista" dalla destra del Tea Party, anche se governava in stretto accordo con gli interessi di Wall Street, nella Silicon Valley e il sistema militare-industriale del Pentagono.)
 
È un po' più difficile del solito per la destra far attaccare Biden la carica neo-maccartista. È un uomo bianco vecchio e conservatore, razzialmente problematico, con una lunga carriera al Congresso e vicepresidente come un misero guerrafondaio e uno strumento della classe corporativa . Le cose sono diverse con Harris. Essendo un arrivo più recente sulla scena nazionale, un prodotto della presunta radicale area della Baia di San Francisco e una donna nera, Harris è molto più facile da vendere alla base sproporzionatamente rurale, bianca e maschile dei repubblicani per il voto e la lotta di strada come una minaccia radicale, da grande città.
 
È tutto molto ironico. Come con Obama, gli attributi di identità di Harris aiutano a nascondere la sua prigionia al sistema di profitti capitalista che la destra sostiene religiosamente. Allo stesso tempo, come nessuno dei due maggiori partiti statunitensi ammetterà mai, gli Stati Uniti potrebbero usare una buona dose del socialismo che Kamala Harris e altri massimi democratici sono assurdamente accusati di sostenere. Come qualcosa uscito direttamente da, beh, Marx, la classe dirigente capitalista della nazione sta macinando l'esperimento `` democratico '' americano in polvere arciplutocratica, rendendo irrilevante l'opinione pubblica di vecchia data di maggioranza progressista mentre ricchezza e potere si concentrano ancora più in alto, e milioni di persone ordinarie vengono buttate fuori dal lavoro, fuori dall'assicurazione sanitaria e nella povertà e nella miseria nel mezzo di un'epica pandemia.
 
 
*Autore di numerosi libri, tra cui They Rule: The 1% v. Democracy (Routledge, 2014) e The Empire's New Clothes: Barack Obama in the Real World of Power (Routledge, 2011). L'ultimo libro di Paul Street è  Hollow Resistance: Obama, Trump, and the Politics of Appeasement  (CounterPunch Books, settembre 2020). Account Twitter  @ Streetwriter17
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa