Lo Yemen denuncia: tra morti e feriti, 8000 bambini colpiti dall'aggressione saudita

Lo Yemen denuncia: tra morti e feriti, 8000 bambini colpiti dall'aggressione saudita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo un rapporto pubblicato ieri dall'Organizzazione per i diritti delle donne e dei bambini con sede  nello Yemen, dall'inizio dell'invasione della cosiddetta coalizione a guida saudita nello Yemen,  il 25 marzo 2015, il numero di bambini che hanno perso la vita è salito a 3.825 e a 4.157 il numero dei feriti.

La nota specifica inoltre che più di tre milioni di neonati soffrono di una grave malnutrizione, che porta alla morte di circa 300 bambini al giorno, a causa dell'aggressione dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati regionali e occidentali contro il Paese più povero del mondo arabo.

I dati forniti da questo rapporto, citato dalla catena locale Al-Masirah, rivelano anche che più di 3.000 bambini soffrono di anomalie congenite, 71.000 hanno tumori, mentre altri 3.000 necessitano di un intervento a cuore aperto.

D'altra parte, la chiusura dell'aeroporto internazionale di Sana'a, situato nella capitale dello Yemen, a causa dell'assedio della coalizione saudita, ha impedito a più di 30.000 bambini con diverse malattie croniche di recarsi all'estero per ricevere le cure necessarie.

Inoltre, l'agenzia ha rivelato che più di 559 bambini soffrono di varie disabilità causate dalla violenza della guerra.

L'obiettivo dell'invasione era restituire il potere all'ex presidente yemenita fuggitivo, Abd Rabu Mansur Hadi, alleato di Riad, e indebolire il movimento popolare Ansarollah.

Le organizzazioni per i diritti umani non smettono di avvertire delle conseguenze catastrofiche del conflitto in Yemen; tuttavia, Riad ha ignorato le voci che chiedono di porre fine alla guerra e di essere ritenuta responsabile dei crimini commessi nello Yemen.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti