Lula: "Mentre l'ONU ha dimostrato i suoi limiti, i BRICS sono una piattaforma dove si possono discutere questioni di pace e sicurezza"

Lula: "Mentre l'ONU ha dimostrato i suoi limiti, i BRICS sono una piattaforma dove si possono discutere questioni di pace e sicurezza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il gruppo BRICS, composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, è diventato una piattaforma per discutere di questioni di pace e sicurezza, ha dichiarato mercoledì il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva al XV Vertice del blocco, che si tiene nella città sudafricana di Johannesburg.

"Il conflitto ucraino dimostra la funzionalità limitata del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Molti conflitti non ricevono l'attenzione che meritano. Sono fonte di sofferenza per molti popoli", ha affermato riferendosi ai popoli di Siria, Libia e Palestina, sottolineando che "meritano di vivere in pace".

Secondo Lula, il mondo "deve rendersi conto di tutti i rischi inaccettabili per lo sviluppo dell'umanità" posti da conflitti come quello in Ucraina. "Il mondo intero soffre le conseguenze delle guerre. I gruppi più vulnerabili nei paesi in via di sviluppo ne soffrono di più", ha sottolineato.

Quindi, a suo avviso, il blocco economico rappresenta una "piattaforma per la discussione sulle questioni di pace e sicurezza" e dovrebbe funzionare come una forza per la comprensione reciproca e la cooperazione.

Inoltre, tornando al conflitto ucraino, Lula ha sottolineato che “esso ha conseguenze globali”, per cui il Brasile “non può restare in disparte e non affrontare il principale conflitto del nostro tempo”. Nelle sue parole, il Brasile è disposto a "unire gli sforzi per contribuire efficacemente al raggiungimento di un cessate il fuoco immediato tra le parti, nonché di una tregua giusta e duratura".

Il presidente brasiliano ha inoltre caldeggiato la creazione di una moneta unica del blocco BRICS: “Sono favorevole a un’unità di conto unica, che allo stesso tempo non sostituisca le nostre valute nazionali". E denunciato l’inaccettabile “neocolonialismo verde” dei paesi sviluppati: “Non accettiamo il neocolonialismo verde che costruisce barriere commerciali discriminatorie con il pretesto di proteggere l’ambiente”. 

“Affinché gli investimenti crescano, dobbiamo garantire la crescita della fiducia, della prevedibilità, della stabilità giuridica, politica e sociale per il settore privato. Pertanto, sono a favore di un’unità di conto unica che, allo stesso tempo, non sostituirà le valute nazionali dei paesi”, ha poi affermato Lula da Silva. 

Il leader brasiliano ha infine osservato che i paesi BRICS devono coordinarsi per agire come un meccanismo per un commercio estero più equo e sostenibile. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti