/ Mattis ordina che siano pronti, in un anno, l'80% degli aerei da ...

Mattis ordina che siano pronti, in un anno, l'80% degli aerei da combattimento degli Stati Uniti

 

Il segretario alla Difesa USA Jim Mattis ha ordinato al Pentagono di preparare almeno l'80% dei suoi aerei da combattimento chiave per le missioni.


In un memorandum del 17 settembre scorso per l'Air Force e la US Navy, Mattis ha riconosciuto che "vincoli di bilancio e le carenze nelle squadre aviazione nella piena forza" ha portato ad una situazione di "prestazione sistemica bassa, sovracapitalizzazione e capacità non realizzate" nelle flotte da combattimento, ha riportato il portale di notizie 'Defense News', ieri.
 
Gli aerei F-35, F-22, F-16 e F-18 sono attualmente in cattive condizioni per volare. L'anno scorso, meno della metà degli F-22 Raptors della US Air Force e della Marina erano in grado di condurre missioni.
 
L'Ufficio di contabilità degli Stati Uniti ha avvertito nel 2016 in un rapporto sulla preparazione di 12 aeromobili Air Force con problemi aerei risalenti al 2011. La contabilità ha scoperto che la disponibilità complessiva di metà dell'aeromobile è diminuita durante quel periodo, mentre 9 dei 12 non hanno raggiunto gli obiettivi di disponibilità in 20.
 
Nel suo documento, Mattis osserva inoltre che, anche con l'approvazione della più grande spesa di spesa militare della storia, non vi è alcuna garanzia che Washington sarà in grado di risolvere i suoi problemi.

 
Il segretario incolpa anche il Congresso per la mancanza di preparazione militare, anche se Washington spende di più sul suo esercito rispetto ai sette paesi che spendono di più, dopo gli Stati Uniti.
 
Indicando l'industria dell'aviazione commerciale come fonte di ispirazione, Mattis chiede che i costi operativi e di manutenzione della flotta vengano ridotti nel corso del prossimo anno.
 
Nel frattempo, il Pentagono ha ancora in programma di schierare l'F-35 come principale aereo da combattimento di tutte le sue branche militari, il che costerà al contribuente statunitense 350 miliardi di dollari.
 
Nonostante le enormi spese, l'US Air Force affronta le conseguenze nelle missioni estese, secondo un recente studio del think tank Rand Corporation.
 
 
Fonte: Defence News - Rand Corporation
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa