/ Militari ucraini ubriachi, vicino al fronte dei combattimenti, pi...

Militari ucraini ubriachi, vicino al fronte dei combattimenti, picchiano pensionato perché comunista                

 

di Enrico Vigna

31 gennaio 2019


 https://i1.wp.com/www.stalkerzone.org/wp-content/uploads/2019/01/343321.jpg?resize=300%2C250&ssl=1Risultati immagini per Donetsk kommunist

 

Militari ucraini ubriachi dopo un irruzione nella casa di un anziano nel villaggio di Stanitsa Luganskaya, molto vicino al fronte, lo hanno derubato e poi picchiato crudelmente, definendolo un "occupante rosso", dopo avergli trovato una vecchia tessera del Partito Comunista. Lo ha denunciato in un briefing al Lugansk Information Center il rappresentante ufficiale della Milizia Popolare, il tenente colonnello della RPL Andrey Marochko.

“Secondo le informazioni degli abitanti del territorio del Donbass che sono temporaneamente occupate dalle truppe ucraine, nell'insediamento di Stanitsa Luganskaya tre soldati in stato di ebbrezza della 25a brigata dell'UAF sono entrati nella casa del pensionato con la forza e hanno portato via il loro cose preziose, cibo e denaro. Durante la rapina i militari hanno trovato una vecchia tessera del Partito Comunista del pensionato e hanno cominciato a insultarlo e chiamandolo “occupante rosso”, lo hanno picchiato crudelmente”, ha aggiunto Marochko.

Ha anche riferito che l'uomo ha contattato la polizia dopo che il crimine era stato commesso, ma gli organismi di polizia ucraini si sono rifiutati di riconoscere la sua dichiarazione, dopo aver definito le parole del pensionato "l'invenzione di una persona anziana".

In precedenza Marochko ha anche riferito che le forze armate di Kiev hanno derubato una ragazza di Novopskov, causandogli gravi ferite.

Uomini delle forze di sicurezza di Kiev hanno picchiato e rapinato una 26enne residente di Novopskov e sono poi fuggiti dalla scena del crimine; la ragazza con gravi ferite è stata portata in ospedale. A proposito di questi episodi ha fatto rapporto durante un briefing al Lugansk Infom Centre, il tenente colonnello della RPL, Andrei Marochko.

Ha sottolineato che il dipartimento della difesa della Repubblica "continua a ricevere informazioni su crimini delle forze di sicurezza ucraine contro la popolazione civile nell'area della cosiddetta "protezione ambientale ", la fascia che dovrebbe essere protetta da operazioni militari.

Nella notte del 28 gennaio, nel villaggio di Novopskov, due uomini in uniforme militare delle Forze armate dell'Ucraina con gli stemmi della 44a brigata d'artiglieria hanno picchiato e derubato una ragazza di 26 anni.
Secondo la vittima, si è scoperto che gli aggressori l'hanno colpita alla testa, e dopo aver perso conoscenza, l'hanno presa a calci, rubato il telefono, soldi e gioielli e sono scomparsi dalla scena del crimine. La vittima è stata portata in un ospedale locale dove le sono state diagnosticate fratture costali e commozione cerebrale
".

La Milizia popolare ha ripetutamente rilevato che la condizione morale e psicologica del personale delle forze sicurezza di Kiev sta peggiorando: continuano a saccheggiare e causano risse da ubriachi, casi di scontri intestini; le diserzioni e i suicidi tra le Forze armate dell'Ucraina sono sempre più frequenti.
 

Fonte luginfocom -  A cura di Enrico Vigna SOS Donbass/CIVG
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa