/ Ministro yemenita ricorda agli Stati Uniti il ruolo avuto nella c...

Ministro yemenita ricorda agli Stati Uniti il ruolo avuto nella catastrofe dello Yemen

 

Lo Yemen respinge le recenti dichiarazioni di un diplomatico statunitense sulla guerra yemenita e incolpa Washington per la crisi nel paese arabo.


"L'ambasciatore degli Stati Uniti nello Yemen ha dimenticato il fatto che la coalizione dell'aggressore Arabia Saudita sostenuto da Washington, ha provocato più di decine di migliaia di morti e feriti tra i civili yemeniti e distrutto tutte le capacità economiche e infrastrutturali dello Yemen" ha dichiarato, oggi, il ministro degli Esteri del governo di salvezza nazionale dello Yemen, Hesham Sharaf.
 
Sharaf ha replicato alle dichiarazioni dell'ambasciatore Usa in Yemen, Matthew Tueller, che ha ribadito la retorica anti-iraniana suo paese, definendo la Repubblica islamica la "fonte di instabilità" nella regione dell'Asia occidentale.
 
Dopo aver definito queste accuse di Tueller "irresponsabili", il ministro degli Esteri yemenita ha ricordato al paese del Nord America che, sostenendo l'Arabia Saudita, Washington è già coinvolta nella "catastrofe umanitaria" dello Yemen.
 
Riad ei suoi alleati arabi nella loro campagna di aggressione contro lo Yemen - avviata a marzo 2015 "sottopongono lo Yemen ad un blocco di terra, mare e aereo" che ha portato il paese più povero del mondo arabo a "una crisi economica e ha causato la più grande catastrofe umanitaria nell'era contemporanea", ha ricordato Sharaf.

 
Sharaf ha anche minimizzato le affermazioni delle autorità statunitensi che sostengono una soluzione politica al conflitto nello Yemen.
 
"La Casa Bianca deve prendere presto una posizione coraggiosa per fermare questa guerra, pressando (a tempo debito) questa coalizione di aggressori", ha spiegato.
 
La guerra saudita contro lo Yemen nei tre anni dal suo inizio, ha lasciato, secondo il Centro Legale per i Diritti e yemenita di sviluppo, più di 15 000 morti, per lo più civili: un dato che altre fonti ammontano a più di 50 000. Secondo il parere del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), la campagna ha causato "la più grande crisi umanitaria nel mondo".
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa