Mosca all'Onu: "Ci aspettiamo che la comunità internazionale si esprima sulla tortura dei prigionieri di guerra russi"

Mosca all'Onu: "Ci aspettiamo che la comunità internazionale si esprima sulla tortura dei prigionieri di guerra russi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La Russia si aspetta che la comunità internazionale dia una valutazione di principio della tortura dei prigionieri di guerra russi praticata dai militanti ucraini.  A dichiararlo è il rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya. "Abbiamo sempre più prove che la parte ucraina pratichi la tortura in violazione delle Convenzioni di Ginevra del 1949. I soldati della DPR liberati dalla prigionia confermano che i militanti ultranazionalisti di Settore Destro uccidono i prigionieri per impiccagione. A parte questo, gli investigatori della LPR sono giunti alla conclusione che alle persone uccise vengono tagliate le parti superiori delle orecchie e le gambe vengono trafitte quando i prigionieri sono ancora in vita. Alcuni prigionieri russi sono stati costretti a rimanere in fosse ricoperte di terra per cinque ore. Il comitato investigativo russo controlla ogni caso del genere, ma ci aspettiamo che la comunità internazionale e le organizzazioni internazionali per i diritti umani diano una valutazione di principio del mancato rispetto da parte di Kiev dei suoi impegni ai sensi del diritto umanitario internazionale", ha affermato in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull'Ucraina. Lo riporta Tass.

Sulle operazioni belliche in corso, Vasily Nebenzya ha precisato come la Russia continuerà tutte le azioni per compromettere il potenziale militare dell'Ucraina fino a quando Kiev non prenderà una posizione realistica nei colloqui.  "Uno degli obiettivi dell'operazione militare speciale è minare le capacità di combattimento dell'esercito ucraino. E sarà raggiunto con mezzi militari fino a quando il regime di Kiev non assumerà una posizione realistica, che consentirà di discutere e cercare di risolvere tali problemi, che ci hanno spinto a lanciare l'operazione militare speciale", ha dichiarato. "Finora, ciò che abbiamo sentito dal signor Zelensky e dai suoi alleati non può essere interpretato come disponibilità alla pace, ma è piuttosto un linguaggio di minacce imprudenti e ultimatum. Gli sponsor occidentali di Kiev incoraggiano solo un corso così irresponsabile, dal momento che sono interessati a una guerra contro il territorio ucraino fino all'ultimo ucraino in quanto consente al loro settore della difesa di trarre profitti colossali e testare le armi della NATO", ha affermato Nebenzya. "In questo modo, i paesi occidentali stanno cercando di stabilire la loro egemonia geopolitica a scapito delle vite dei comuni ucraini", ha concluso.

Il 4 ottobre, Zelensky ha approvato la risoluzione del Consiglio di sicurezza e difesa dell'Ucraina sull'impossibilità di colloqui con il presidente russo Vladimir Putin.  

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti