/ Mosca: Ridotta in macerie, svanito il mito della "liberazione" di...

Mosca: Ridotta in macerie, svanito il mito della "liberazione" di Raqqa da parte degli USA

 

Il mondo sta appena iniziando ad apprendere il prezzo di questa vittoria per i civili siriani, ha dichiarato il direttore del dipartimento Informazione e stampa presso il ministero degli Esteri russo.


Il racconto di testimoni e attivisti per i diritti umani dissipa il mito occidentale della "liberazione" di Raqqa - una città siriana che fu essenzialmente bombardata senza che i media ne parlassero, in un'operazione della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha dichiarato Artyom Kozhin, direttore dell'Informazione e stampa Dipartimento presso il Ministero degli Esteri russo.

"L'assalto a questa grande città siriana e al centro della provincia omonima è durato fino al 17 ottobre [2017], quando fu dichiarato la sua liberazione dall'ISIS" ha aggiutno Kozhin. "A Raqqa, la coalizione ha ottenuto la sua vittoria principale in Siria, il mondo sta appena iniziando a conoscere il prezzo di questa vittoria per i civili siriani".
"I rapporti di varie fonti su questo tema dissipano il mito occidentale ufficiale sulla" liberazione "di questa città", ha sottolineato il diplomatico. "Raqqa è stata per lo più ridotto in macerie e una parte consistente e incommensurabile della sua popolazione è stata uccisa e sepolta sotto le macerie".
Il funzionario del ministero degli Esteri russo ha evidenziato le prove di un ufficiale militare americano di alto rango che è emerso dai media e afferma che, in particolare, "il numero di proiettili lanciati su Raqqa nell'assalto di quattro mesi è più alto che altrove dalla fine della guerra del Vietnam. " "I risultati dell'uso dell'artiglieria americana e dell'aviazione britannica e francese sono visibili in quasi tutte le parti del mondo", ha sottolineato Kozhin. "Nessuno ricostruisce le rovine - non ci sono autorità nella città occupata che si prenderanno cura del destino degli altri residenti".

 
Le inchieste degli attivisti per i diritti umani
 
Le prove in un recente rapporto di Amnesty International sul destino di quattro famiglie in questa città - Aswad, Khashish, Badrans e Fayad - sono scioccanti, ha spiegato Kozhin. "Ognuno di loro ha perso almeno una dozzina di loro parenti, che non erano legati all'ISIS in alcun modo, durante la" liberazione"," ha continuato. "I membri della famiglia sopravvissuti dichiarano che non c'erano membri dell'ISIS nelle vicinanze al momento degli scioperi".
 
"Tutti sono stati uccisi a Raqqa: sia quelli che hanno tentato di fuggire, sia quelli rimasti, i 'liberatori' "non hanno fatto differenza tra le postazioni dei terroristi e le case in cui i civili si nascondevano", ha precisato il diplomatico.
"Durante la valutazione degli effetti dell'uso sproporzionato e indiscriminato della forza - che non è stata seguita da alcuna misura per ridurre i rischi di vittime civili o minimizzare il danno inflitto - Amnesty International, che difficilmente può essere sospettata di simpatizzare con il governo siriano", è giunto alla conclusione che le azioni della coalizione filoamericana a Raqqa dovrebbero essere potenzialmente considerate come una violazione dei diritti umani e in alcuni casi indagate come crimini di guerra", ha sottolineato Kozhin. "Voglio sottolineare che questa non è la nostra conclusione, ma quella degli attivisti internazionali per i diritti umani".
 
 
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa