Mosca: Rischio escalation in Ucraina se Kiev applica sistemi a lungo raggio contro il territorio russo

Mosca: Rischio escalation in Ucraina se Kiev applica sistemi a lungo raggio contro il territorio russo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, l’ambasciata russa negli Stati Uniti ha avvertito che la consegna di sistemi a lungo raggio in Ucraina da parte di Washington potrebbe portare a un'escalation dell'attuale conflitto se l'esercito ucraino utilizzerà queste armi per lanciare attacchi contro il territorio russo.

"L'amministrazione [del presidente Joe Biden] mostra la sua irresponsabilità riguardo al trasferimento di sistemi di artiglieria a lungo raggio in Ucraina. Il rischio principale è un'escalation del conflitto, nel caso in cui le forze armate ucraine utilizzino questi sistemi per attaccare il territorio russo. Inoltre, Washington ignora l'ovvia minaccia che armi di precisione avanzate cadano nelle mani di radicali, terroristi e bande non solo sul territorio ucraino, ma anche oltre i suoi confini", si ricorda nel comunicato di Mosca

Violazione degli obblighi

Parallelamente, l'Ambasciata ha precisato che l'ultimo pacchetto di aiuti militari a Kiev include la spedizione di quattro elicotteri da trasporto Mi-17 di fabbricazione russa che la Casa Bianca aveva acquistato per il governo afgano prima della sua caduta in mano ai talebani. La missione diplomatica sostiene che la fornitura è contraria alla procedura del certificato di utilizzatore finale che richiede il consenso scritto della Russia. "Questa è una flagrante violazione degli obblighi statunitensi", si legge nel testo della pubblicazione.

La serie di fallimenti di Washington nel rispettare i suoi impegni non si limita solo a questo caso. In questo senso, l'ambasciata russa ha menzionato la massiccia spedizione di sistemi antiaerei portatili Stinger a Kiev e ha accusato la Casa Bianca di ignorare la risoluzione 62/40 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2007, nonché i regolamenti dell'Accordo di Wassenaar sull'esportazione Controlli per armi convenzionali e beni e tecnologie a duplice uso. Dette normative mirano proprio a ridurre al minimo i rischi che questo tipo di arma cada nelle mani sbagliate.

"Gli stessi americani riconoscono il pericolo di trasferire i sistemi antiaerei portatili (MANPADS) in paesi 'terzi'. Non è un caso che per molti anni ci sia stato un accordo tra Russia e Stati Uniti sulla reciproca informazione delle vendite di MANPADS all'estero ", ha specificato la rappresentanza diplomatica di Mosca.

Inoltre, hanno indicato che il fatto che gli Stati Uniti riempiono massicciamente l'Ucraina di armi dimostra che Washington si è allontanata dai principi internazionali di moderazione quando si tratta di inviare prodotti militari nelle zone di conflitto che essa stessa promuove. "Tali criteri duali minano la fiducia in Washington come partecipante ai meccanismi multilaterali di controllo delle esportazioni".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti