Nato araba e aumento produzione petrolio. Fallimento USA al vertice di Gedda

Nato araba e aumento produzione petrolio. Fallimento USA al vertice di Gedda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I leader di vari stati del Golfo Arabo, tra cui Giordania, Iraq, Egitto, nonché il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si sono riuniti al vertice di Gedda sulla sicurezza e lo sviluppo in Arabia Saudita.

Le discussioni si sono concentrate sui livelli di produzione di petrolio, durante i quali il principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman (MbS) ha affermato che la produzione di petrolio non può attualmente aumentare più dell'attuale livello di 12 milioni di barili al giorno.

Il regno, tuttavia, aumenterà la sua capacità a 13 milioni di barili al giorno entro il 2027, ha spiegato MbS ai partecipanti al vertice.

Dopodiché, ha avvertito, “il regno non avrà ulteriori capacità per aumentare la produzione".

L'Occidente sta vivendo una terribile crisi energetica e di carburante a causa delle sanzioni imposte alla Russia e non ha avuto successo nei suoi tentativi di fare pressione sull'OPEC+ per aumentare la produzione.

Oltre a non riuscire a garantire un aumento della produzione di derivati ??petroliferi – che allevierebbe la peggiore inflazione che gli Stati Uniti abbiano visto negli ultimi decenni – il presidente degli Stati Uniti non è riuscito a rinunciare a progressi concreti sull'idea di un'alleanza militare araba in stile NATO ostile all'Iran.

"Gli Stati Uniti stanno investendo nella costruzione di un futuro positivo della regione, in collaborazione con tutti voi - e gli Stati Uniti non stanno andando da nessuna parte", ha detto Biden.

Tuttavia, queste assicurazioni non sono state sufficienti per gli Stati arabi, come l'Iraq, che hanno buone relazioni diplomatiche con l'Iran e non vorrebbero far parte di un'alleanza militare ostile nei confronti del suo vicino e partner nella regione.

A causa delle tensioni tra Washington e Riad, dovute principalmente all'omicidio di Khashoggi, l'accoglienza del presidente degli Stati Uniti nella capitale saudita non è stata cordiale come quella di altri leader arabi, secondo un rapporto di RT Arabic.

Biden e MbS hanno tenuto un incontro di tre ore venerdì scorso in cui il capo di stato americano ha ribadito di aver sollevato la questione dell'omicidio Khashoggi.

Durante la conferenza è stata discussa anche la normalizzazione dei rapporti diplomatici, in particolare con Israele.

Rispondendo a una domanda della stampa sulla normalizzazione, il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan ha dichiarato:

“Perché parli di normalizzazione, [è] perché abbiamo permesso loro [Israele] di volare nel nostro spazio aereo? Consentiamo a qualsiasi Paese di volare nel nostro spazio aereo e permettiamo anche loro. Non c'è bisogno di chiamare questa normalizzazione".

Le recenti dichiarazioni del ministro saudita degli Affari esteri Adel al-Jubeir suggeriscono che la normalizzazione per Riad avverrà se vengono soddisfatte determinate condizioni.

Un corrispondente di Channel 13 israeliano ha fatto osservazioni durante la trasmissione in diretta del canale dalla conferenza, emblematiche e che riflettono l'ottimismo per il percorso di normalizzazione.

“Siate consapevoli del fatto che stiamo trasmettendo in diretta … Tutto questo sta avvenendo tramite una trasmissione in diretta e ci troviamo a Gedda, in Arabia Saudita. E se volete una prova della normalizzazione, questa trasmissione è consentita qui", ha precisato il corrispondente di Channel 13.

La conferenza è servita anche come fonte di gaffe del presidente degli Stati Uniti, compreso il suo riferimento all'" egoismo " dei soldati statunitensi, nonché il suo pisolino durante i discorsi dei leader arabi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti