/ Nato del Golfo e tolleranza religiosa: nella redazione di Repubbl...

Nato del Golfo e tolleranza religiosa: nella redazione di Repubblica è arrivato Babbo Natale

 


Certo, a Natale ritorniamo bambini e vogliamo credere a qualsiasi cosa. Anche a Babbo Natale. Ma Repubblica davvero si illude se pensa di farci cambiare idea sulla Nato del Golfo. 


Ci aveva già provato, un mese fa, con un incredibile video sulla “patente alle donne” e sulla loro “libertà di praticare liberamente lo sport per le strade di Gedda” (al quale avevamo risposto con questo articolo e questo videoclip) in Arabia Saudita.




Ora, in pieno clima natalizio, Repubblica torna alla carica con un altro video (vedi anche qui sotto) nel quale un tizio  – verosimilmente al soldo di una qualche agenzia di pubbliche relazioni – pretende di convincerci della “libertà religiosa” esistente negli Emirati Arabi Uniti, mostrandoci quattro “chiese cattoliche” (sormontate, comunque, non dalla croce ma  dalla mezzaluna).  


Quale sarà il prossimo passo di Repubblica? Pretendere di farci credere che anche in Arabia Saudita - stato nel quale è bene ricordarlo  i culti non musulmani sono proibiti per legge e convertire dall'Islam ad un'altra religione o rinunciare all'Islam è considerato apostasia,  un “crimine” che può essere punito anche con la morte -  esista tolleranza religiosa?


Con il governo italiano in pellegrinaggio dagli sceicchi per vendere armi e gli sceicchi in pellegrinaggio da noi per acquistare beni svenduti con le privatizzazioni, del resto,  meglio far credere in un miracolo di Natale.


Pecunia non olet.

 

Francesco Santoianni

 

Qui il video di Repubblica


 


P..S. Interessante scorrere la pagina FB della starlette social Khalid Al Ameri e notare come di solito nelle sue performance con la moglie vesta di norma all"'occidentale". Questa volta no, nel video rilanciato da Repubblica il copione è stato diverso.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa